Torta di mele di Sant’Orfeo

Torta di mele di Sant’OrfeoVi proponiamo la ricetta della torta di mele di Sant’Orfeo, un dolce dalla consistenza insolita e golosa, molto ricco di frutta e poco d’impasto, profumato alla cannella. Una torta facile da realizzare, ottima a merenda ma anche come dessert alternativo e un po’ rustico per il dopo cena con gli amici.

ESECUZIONE RICETTA
FACILE

TEMPO PREPARAZIONE
15 MIN

TEMPO COTTURA
60 MIN

PORZIONI
6-8 PORZIONI
INGREDIENTI
• 5 mele renette
• 1 pera
• 150 g di burro
• 6 cucchiai colmi di farina
• 6 cucchiai colmi di zucchero
• 3 uova
• 150 g di uvetta
• 1 bustina di lievito per dolci
• latte
• cannella in polvere
INTRODUZIONE
La torta di mele di Sant’Orfeo è una specialità regionale umbra, la classica torta casalinga, dal sapore un po’ vintage. Si tratta di un dolce la cui caratteristica principale è la consistenza: essendo molto ricca in frutta, contiene infatti 5 mele, una pera e abbondanteuva passa, risulta morbidissima e molto umida. È ottima tiepida, appena fatta tanto quanto dopo un paio di giorni.
 
Le sue caratteristiche la rendono in un certo senso simile a un’altro dolce ricco di frutta e con poco impasto: la Torta invisibile di mele.
 
La varietà di mele ideale per la preparazione della torta di Sant’Orfeo è la renetta appena acidula all’inizio, ma dolce e aromatica nelle note di fondo. Particolarmente adatta in cucina, anche in accompagnamento alla carne, è perfetta per i dolci. Alcuni esempi sono l’originale Torta di mele e quinoa, la Sfogliata alle mele renette o la Torta alle due mele.
 
COME PREPARARE: TORTA DI MELE DI SANT’ORFEO
Preparazione Torta di mele di Sant’Orfeo – Fase 1
Preparazione Torta di mele di Sant’Orfeo – Fase 1
1
Iniziate la preparazione della torta di mele di Sant’Orfeo sbucciando mele e pera e tagliandole a cubetti. Su una casseruola d’acqua quasi a bollore, appoggiate una ciotola e lasciatevi fondere il burro.
Fase 2
2
Mescolando continuamente unite la farina, un cucchiaio alla volta, e lo zucchero. Quando saranno ben amalgamati togliete la ciotola dal fuoco e unite le uova, anch’esse una alla volta, mescolando bene con una spatola per incorporarle perfettamente. Aggiungete quindi l’uvetta, che avrete precedentemente fatto rinvenire in acqua tiepida, ben strizzata.

  • Fase 3
    3
    Aggiungete i cubetti di frutta, un pizzico di cannella e, per ultimo, il lievito diluito con poco latte tiepido.
  • Fase 4
    4
    Mescolate bene e trasferite il tutto in uno stampo con cerniera amovibile, dal diametro di circa 23 cm, imburrato e foderato con carta forno. Cuocete in forno, preriscaldato a 170°, per 1 ora. 
    5
    Sfornate il dolce e lasciatelo intiepidire prima di sformarlo. Servite la torta di mele diSant’Orfeo leggermente tiepida o fredda, a piacere.

Pancakes al caffè

Per realizzare i Pancakes al caffè, comincia preparando la crema al cioccolato per la guarnizione: in una ciotolina di metallo posta su di una pentola con acqua in ebollizione fai sciogliere 150 g di cioccolato fondente tritato assieme a 100 ml di panna fresca liquida, fino a quando il composto sarà liscio e ben amalgamato. Togli la crema dal calore e trasferiscila in una ciotola o una piccola caraffa, quindi lasciala intiepidire

Procedi con la preparazione della pastella per i pancakes al caffè, mescolando 150 ml di latte assieme a 50 ml di caffè freddo e 1 cucchiaino colmo di caffè solubile in polvere, fino a quando quest’ultimo sarà completamente disciolto.

Separa i tuorli dagli albumi di 2 uova e mettili in ciotole separate, poi sbatti con le fruste elettriche i due tuorli con 40 g di zucchero semolato, fino ad ottenere un composto liscio, gonfio e di color giallo pallido.

In una ciotola a parte setaccia 140 g di farina 00 assieme a 5 g di lievito vanigliato per dolci e 1 pizzico di sale, quindi aggiungi poco alla volta questo mix secco al composto di tuorli e zucchero, mescolando bene con una frusta a mano.

Aggiungi ora la miscela di latte e caffè e mescola ancora con la frusta in modo da ottenere una pastella liscia e priva di grumi.

Per finire monta a neve ferma gli albumi con le fruste elettriche e incorporali al composto, mescolando bene con una frusta a mano o una spatola ed effettuando movimenti circolari dal basso verso l’alto per non smontare il composto.

Ora passa alla cottura dei pancakes al caffè: ungi con un pochino di burro una padella antiaderente ben calda e versa un mestolino di pastella, quindi lascia cuocere il pancake fino a quando vedrai che si formeranno dei buchetti e delle bollicine sulla superficie: questo è il segnale che puoi girare il pancake dall’altra parte e proseguire la cottura fino a quando sarà dorato da entrambi i lati.

Per questo genere di preparazioni che richiedono un calore costante e una superficie perfettamente antiaderente, personalmente utilizzo spesso una padella come questa https://amzn.to/2OJImPf in rame con la superficie rivestita di materiale antiaderente.

Man mano che sono pronti, metti i tuoi pancakes al caffè nei piatti da portata e procedi in questo modo fino ad esaurimento della pastella. Alla fine, in base a quanto li hai fatti grandi, potrai ottenere 10-12 pancakes piccolini o 6-8 più grandicelli.

Una volta pronti, servi i pancakes al caffè in tavola, completandoli con un po’ della crema al cioccolato e panna.

Personalmente trovo che questa versione sia deliziosa, ma se preferisci sapori meno particolari, puoi preparare la versione basic, se così si può dire, seguendo la ricetta Pancakes classici, oppure quelli senza uova, con la ricetta Pancakes senza uova o ancora la variante senza glutine, seguendo la ricetta Pancakes di riso, ma volendo potresti fare dei pancakes più leggeri, a base di ricotta seguendo la ricetta Pancakes alla ricotta o, al contrario, una golosissima versione ripiena di Nutella, con la ricetta Pancakes ripieni di Nutella o propendere per la rivisitazione scrocchiarella al limone con i semi di papavero, seguendo la ricetta Poppyseed pancakes o per finire, la variante al grano saraceno, con la ricetta Pancakes al grano saraceno e miele.

Crostata amaretti e cioccolato

Preparazione: 60 min
Difficoltà: Bassa
Crostata amaretti e cioccolato
Cottura: 70 min
DOLCILa crostata amaretti e cioccolato è un dolce goloso e scenografico, perfetto per ogni occasione! Sotto queste piccole sfere di frolla cosa si nasconderà? A prima vista questo sarà il primo pensiero dei vostri ospiti, ma siamo certi che all’assaggio scopriranno sicuramente di cosa si tratta. Il gusto dolce degli amaretti si sposa benissimo con la crema al cioccolato fondente e il loro sapore di mandorla rilascerà un piacevole retrogusto in bocca. La nostra classica pasta frolla sarà il contenitore perfetto per racchiudere tanta bontà! Questa crostata amaretti e cioccolato è un dolce fragrante e cremoso, ideale per concludere una cena o il pranzo della domenica!

Ingredienti

Per una crostata da 24 cm
Farina 00
500 g
Uova
(circa 2) 110 g
Zucchero a velo
200 g
Burro
freddo 250 g
Scorza di limone

Per la crema
Latte intero
150 g
Panna fresca liquida
110 g
Uova
(circa 2) 120 g
Zucchero
60 g
Amido di mais (maizena)
30 g
Cioccolato fondente
200 g
Per il ripieno

Per il ripieno

Amaretti
(circa 40) 90 g

Per decorare

Zucchero a velo, quanto basta

Preparazione

Per preparare la crostata di amaretti e cioccolato iniziate dalla frolla. Versate la farina in un mixer, insieme al burro freddo ridotto a pezzetti –1–. Azionate le lame a più riprese fino ad ottenere un composto sabbioso. Utilizzare il mixer ad intermittenza farà si che l’impasto non si scaldi eccessivamente. Arrestate le lame e unite lo zucchero a velo –2–, insieme all’uovo leggermente sbattuto e la scorza grattugiata di un limone –3–.

Azionate nuovamente il robot per pochi istanti, stavolta abbassando la velocità così le lame misceleranno l’impasto senza frullare –4–. Non appena il composto si sarà amalgamato –5– trasferitelo sulla spianatoiae lavoratelo velocemente con le mani, giusto il tempo di ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola trasparente –6– e lasciatelo riposare per 2 ore in frigorifero.

Nel frattempo preparate la crema. Tritate il cioccolato finemente, poi in una pentola versate latte e panna –7– e scaldate fino a raggiungere il bollore. Intanto in un’altra ciotola lavorate le uova insieme allo zucchero –8–, unite poi la maizena –9– e mescolate fino ad ottenere un composto privo di grumi.

Quando latte e panna avranno raggiunto il bollore versate nella ciotola delle uova mescolando con la frusta _10_. Trasferite il tutto di nuovo nella pentola _11_ e continuate a cuocere mescolando di continuo fino a che non si sarà addensata. A questo punto spegnete il fuoco, aggiungete il cioccolato _12_

e continuate a mescolare _13_ fino a che non sarà completamente sciolto e la crema lo avrà assorbito _14_. Trasferite poi la crema così ottenuta all’interno di una ciotola e coprite con la pellicola a contatto. Lasciate intiepidire, poi trasferite in frigo.

A questo punto riprendete la frolla e dividetela a metà _16_. Stendete la frolla utilizzando poca farina _17_, fino ad ottenere uno spessore di mezzo cm _18_.

Trasferite la sfoglia così ottenuta all’interno di uno stampo da crostata da 24 cm _19_. Fate aderire bene la pasta allo stampo, poi con una leggera pressione utilizzando il mattarello eliminate la frolla in eccesso _19_. In alternativa potete utilizzare un coltellino a lama liscia. Se lo scarto dovesse essere molto lavoratelo insieme alla frolla tenuta da parte e riponete in frigo per qualche minuto. A questo punto con i rebbi di una forchetta bucherellate il fondo della crostata _21_

e versate all’interno la crema pasticcera al cioccolato _22_. Livellate leggermente la superficie, posizionate poi gli amaretti all’interno, disponendoli in maniera ordinata, cercando di non lasciare degli spazi vuoti _23_. Stendete poi la frolla rimasta fino ad ottenere uno spessore di mezzo cm _24_

e utilizzatela per ricoprire la crostata _25_. Fate aderire bene la frolla a quella sottostante, facendo una leggera pressione _26_ ed eliminate l’eccesso di pasta _27_.

A questo punto _28_ cuocete la crostata in forno statico preriscaldato a 170° per circa 55 minuti. Poi sfornate _29_ e lasciate raffreddare. A questo punto sformate la crostata e spolverizzatela con lo zucchero a velo prima di servirla _30_.

Continue reading →

DOLCI Crepes al caffè

Difficoltà: Bassa
Preparazione: 15 min
Cottura: 15 min
Dosi per: 8 pezziPer la ricetta di oggi ci siamo ispirati a due capisaldi della pasticceria francese e italiana: le crepes e i cannoli. Alle prime abbiamo aggiunto del caffè per ottenere delle crespelle dal gusto aromatico, mentre dagli ultimi abbiamo tratto il meglio dal loro ripieno e lo abbiamo insaporito con scaglie di cioccolato. Il risultato è stato un abbinamento decisamente sorprendente! Le crepes al caffè sono una ricetta da veri intenditori, perfetta da preparare per i palati più esigenti che non si accontentano della classica farcitura a base di Nutella. Scegliete una miscela di caffè speciale e un cioccolato di ottima qualità per una golosa merenda!

Ingredienti
Per 8 crepes
Latte intero
400 g
Farina 00
350 g
Caffè
della moka 100 g
Uova
3
Sale fino
1 pizzico

Burro
per ungere la crepiera q.b.

Per il ripieno
Ricotta vaccina
500 g
Zucchero
150 g
Cioccolato fondente
50 g
Per la salsa
Cioccolato fondente
150 g
Caffè
della moka 70 g
Preparazione

Per preparare le crepes al caffè come prima cosa preparate il caffè con la moka: ve ne occorreranno 200 g. Versate quindi metà del caffè (100 g) in una brocca dove avrete già versato il latte e tenete da parte il resto, che servirà per realizzare la salsa. In un’altra ciotola rompete le uova, poi unite il latte allungato con il caffè –1– e mescolate per amalgamare il tutto –2–. Setacciate poi direttamente all’interno della ciotola la farina –3–
e mescolate con una frusta –4–. Unite un pizzico di sale –5– e mescolate ancora energicamente, in modo da ottenere una pastella liscia e omogenea. Coprite con pellicola –6– e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.

Nel frattempo occupatevi del ripieno: tritate grossolanamente 50 g di cioccolato fondente –7– e unitelo alla ricotta –8–. Aggiungete poi lo zucchero semolato –9–,

mescolate con una spatola _10_ e, una volta ottenuto un composto omogeneo _11_, trasferite in una sacca da pasticciere _12_ e riponete in frigorifero.

Ora passate alla salsa: tritate l’altra dose di cioccolato fondente _13_ e scaldate il restante caffè fino a sfiorare il bollore _14_. Versate poi il caffè sul cioccolato _15_

e mescolate fino a che non si sarà sciolto _16_. Tenete da parte e non preoccupatevi se la crema tenderà a solidificarsi, basterà scaldarla prima di versarla sulle crepes. Adesso non vi resta che cuocere le vostre crespelle: scaldate una crepiera o una padella antiaderente, ungetela con una noce di burro _17_ e versate un mestolo di impasto _18_.

Fate roteare la padella in modo da distribuire uniformemente l’impasto e cuocete per circa un minuto _19_. Quando si formeranno le classiche bollicine in superficie e i bordi si staccheranno, giratele _20_ e cuocete anche dall’altro lato per circa mezzo minuto _21_. Proseguite in questo modo fino a cuocere tutte le crepes.

Passate alla farcitura: riprendete la crema di ricotta e spremetene una parte all’interno della crepe realizzando due giri _22_, poi piegatela prima a mezza luna _23_ e poi di nuovo a metà _24_

in modo da ottenere un triangolo _25_. Farcite così anche tutte le altre, scaldate la salsa al cioccolato e utilizzatela per decorare le vostre crepes al caffè prima di servirle _26__27_.

Conservazione
Le crepes al caffè si possono conservare in frigorifero per un giorno al massimo. Prima di servirle scaldate la salsa per decorarle. Se avete utilizzato tutti ingredienti freschi potete congelare le crepes singolarmente oppure alternandole con un pezzo di carta forno.

Aggiungete della granella di nocciole per la decorazione finale.
Al posto della ricotta potete utilizzare dello yogurt greco e aromatizzare con dei semini di vaniglia!