un milione”, la hit di Sanremo dei Boomdabash si fa latina

un milione”, la hit di Sanremo dei Boomdabash si fa latina: arriva “Que Te Enamores”
“Per un milione”, la canzone che i Boomdabash hanno portato all’ultima edizione del Festival di Sanremo resta una delle canzoni più apprezzate dal pubblico e dalle radio e nei giorni scorsi è uscita anche in una versione latina, “Que Te Enamores”, che vede la band pugliese duettare con Cupido & Portusclan El Tigre.

C’è una canzone che nonostante il Festival di Sanremo si sia concluso ormai due mesi e mezzo fa continua a mantenersi nelle posizioni alte sia delle classifiche radiofoniche che in quelle della Fimi, resistendo e salendo nel conteggio degli streaming: parliamo dei Boomdabash, band salentina che da anni, ormai, è una fucina di hit (e band di cui fa parte Mr Ketra, che con Takagi forma la coppia di producer che in questi ultimi anni ha pubblicato alcuni dei tormentoni più amati del Paese). “Per un milione”, la canzone che la band ha portato sul palco dell’Ariston, infatti, si mantiene al quinto posto della classifica delle canzoni più amate e trasmesse dalle radio, mentre per quanto riguarda la classifica dei Singoli della FIMI è al terzo posto, confermando la posizione della settimana scorsa, alle spalle solo del tormentone latino “Calma (Remix)” di Pedro Capò feat Farruko e di “È sempre bello” di Coez; una posizione che tiene anche grazie agli streaming che ad oggi, solo su Spotify sono di oltre 23 milioni.
La nuova versione latina Que Te Enamores
Un successo che li ha portati anche a produrre una versione più reggaeton del pezzo. da venerdì, infatti, è presente su tutte le piattaforme anche “Que Te Enamores” speciale versione remix del brano che vede la partecipazione di due giovani artisti latini, ovvero Cupido & Portusclan El Tigre. la canzone, come spiega la band “nasce dall’incontro con Cupido e Portusclan El Tigre due giovani artisti cubani di grande talento che ci hanno contattato spontaneamente. Non li conoscevamo ma appena abbiamo sentito la bozza del provino siamo rimasti da subito colpiti e abbiamo deciso di lavorare insieme a quest’inedita versione remix. Il brano si è sposato benissimo con la lingua spagnola risultando perfetta evoluzione di “Per un milione” nelle sue mille sfaccettature con delle sonorità più latine che rimandano al reggaeton”.
Probabilmente anche questa nuova versione sarà cantata il prossimo 9 maggio quando i Boomdabash recupereranno “Boomdabash & Friends”, il concerto-evento che si terrà all’Alcatraz di Milano e li vedrà duettare con ospiti ed amici. Un concerto con cui la band pugliese festeggia i 15 anni di carriera e vedrà un palco pieno di luci colori ed effetti scenografici ad hoc per la speciale occasione.

Ultimo primo in classifica, il cantautore resiste a Fabrizio Moro e Achille Lauro, bene i BTS

Ultimo primo in classifica, il cantautore resiste a Fabrizio Moro e Achille Lauro, bene i BTS
È Ultimo il cantante che anche questa settimana mantiene la testa della classifica FIMI degli album più venduti della settimana, resistendo agli esordi di artisti come Fabrizio Moro che è tornato con un album di inediti e di Achille Lauro, tornato in veste rock. Bene anche Massimo Pericolo e il fenomeno K-Pop BTS.

Nonostante la settimana di uscite, con un paio anche importanti, Ultimo mantiene la testa della classifica FIMI degli album più venduti e per la seconda settimana consecutiva “Colpa delle favole” è primo in classifica, confermando il cantautore romano come uno dei fenomeni musicali di quest’ultimo anno. Dopo aver tenuto in top 10 per più di un anno il suo album “Peter Pan” seguito anche dalla risalita di quello d’esordio, Ultimo – che a febbraio si è classificato secondo al Festival di Sanremo – continua nella sua corsa dei numeri, che confermano quanto si era intuito con un tour andato sold out mesi prima che cominciasse.
Il podio con Moro e Lauro
Non è riuscito a minare la testa della posizione quello che da sempre Niccolò Moriconi considera quasi un fratello maggiore, ovvero Fabrizio Moro, uscito sette giorni fa con il suo ultimo album di inediti “Figli di nessuno”. Sembrano passati secoli da quando Ultimo apriva i concerti di Moro e adesso, invece, riesce a tenerlo alle spalle. Così come si tiene alle spalle un altro dei candidati alla testa della classifica, ovvero Achille Lauro, che con l’ultimo “1969”, album più rock per il cantante milanese, è terzo in classifica dopo la rivelazione sanremese di “Rolls Royce” e l’uscita dell’ultimo singolo “C’est la vie”.
Bene Massimo Pericolo e Bts
Un inaspettato quarto posto per Massimo Pericoloil rapper varesino che ha pubblicato il suo Ep d’esordio “Scialla Semper” in cui racconta le sue storie di amore, amicizia e carcere, mentre in quinta posizione esordiscono il fenomeno pop mondiale dei BTS, band K-Pop che sta conquistando gli Usa e anche in Italia si sta ritagliando uno spazio sempre maggiore. Spazio che si è ritagliata Billie Eilish, la diciassettenne americana che ha pubblicato l’esordio “When We All Fall Asleep, Where Do We Go?”, che è davanti a “È sempre bello” di Coez, “Dove gli occhi non arrivano”, “Start” di Ligabue e la colonna sonora di Bohemian Rapsody dei Queen che chiude la top 10.
Tra i singoli primo Pedro Capò
Tra i singoli ancora primo Pedro Capò feat Farruko con “Calma (Remix)”, davanti a Coez e ai Boomdabash di “Per un milione”. Tra i vinil, invece, in testa ci sono due classici come “Bohemian Rhapsody” dei Queen e “The dark side of the moon” mentre in terza posizione c’è “Musica per ba,bini” del rapper romano Rancore.
Classifica Top 10 Album

  1. Colpa Delle Favole Ultimo
  2. Figli Di Nessuno Fabrizio Moro
  3. 1969 Achille Lauro
  4. Scialla Semper Massimo Pericolo
  5. Map Of The Soul: Persona Bts
  6. When We All Fall Asleep, Where Do We Go? Billie Eilish
  7. È Sempre Bello Coez
  8. Dove Gli Occhi Non Arrivano Rkomi
  9. Start Ligabue
  10. Bohemian Rhapsody (O.S.T.) Queen
    Classifica Top 10 Singoli
  11. Calma (Remix) Pedro Capó Feat. Farruko
  12. È Sempre Bello Coez
  13. Per Un Milione Boomdabash
  14. Con Calma Daddy Yankee Feat. Snow
  15. Soldi Mahmood
  16. Bad Guy Billie Eilish
  17. Sweet But Psycho Ava Max
  18. I Tuoi Particolari Ultimo
  19. Rondini Al Guinzaglio Ultimo
  20. Mademoiselle Sfera Ebbasta
    Classifica Top 3 Vinile
  21. Bohemian Rhapsody Queen
  22. The Dark Side Of The Moon Pink Floyd
  23. Musica Per Bambini Rancore

Il Mare Immenso Giusy Ferreri

A volte io vorrei arrivare in cima ai tuoi segnali
per intuire tutti i sensi unici
a volte o quasi sempre io mi perdo nella notte
decido poi di scivolarti addosso
e cancellare tutto e niente mi appartiene
ma c’è qualcosa dentro che mi morde l’anima
L’amore che distrugge come cielo a fulmine
il nostro cuore fuorilegge
spara colpi di dolore
è troppo tempo che non si fa più l’amore
non scorre il sangue dentro al fiume
che ci portava verso il mare, quel mare immenso
adesso non mi pento più e rimango qui da sola
dipingo la memoria alle pareti
lo so che quasi sempre io dimenticavo il senso
non respiravo venti più leggeri
è scivolato tutto e niente ti appartiene
ma c’è qualcosa dentro che mi brucia l’anima
L’amore che distrugge come cielo a fulmine
il nostro cuore fuorilegge
spara colpi di dolore
è troppo tempo che non si fa più l’amore
non scorre il sangue dentro al fiume
che ci portava verso il mare
immenso
Come radici agli alberi d’inverno, senza più foglie
quel mare dentro
che spegne e annega ogni tormento mi toglie il fiato
Ma poi ancora respiro
Senza più fiamme
è troppo tempo che non si fa più l’amore
non scorre il sangue dentro al fiume
che ci portava verso il mare, quel mare immenso…

Fiorella Mannoia in viaggio

Domani partirai
non ti posso accompagnare
sarai sola nel viaggio
io non posso venire
il tempo sarà lungo
e la tua strada incerta
il calore del mio amore
sarà la tua coperta
ho temuto questo giorno
è arrivato così in fretta
e adesso devi andare
la vita non aspetta
guado le mie mani
ora che siamo sole
non ho altro da offrirti
solo le mie parole
Rivendica il diritto ad essere felice
non dar retta alla gente
non sa quello che dice
e non aver paura
ma non ti fidare
se il gioco è troppo facile
avrai qualcosa da pagare
Ed io ti penserò in silenzio
nelle notti d’estate,
nell’ora del tramonto
quando si oscura il mondo
l’ora muta delle fate
e parlerò al mio cuore, più forte
perchè tu lo possa sentire
è questo il nostro accordo
prima di partire
prima di partire
domani, non ti voltare
Ama la tua terra
non la tradire
non badare alle offese
lasciali dire
ricorda che l’umiltà
apre tutte le porte
e che la conoscenza
ti renderà più forte
Lo sai che l’onestà
non è un concetto vecchio
non vergognarti mai
quando ti guardi nello specchio
non invocare aiuto nelle notte di tempesta
e non ti sottomettere tieni alta la testa
ama la tua terra
ama, non la tradire
non frenare l’allegria
non tenerla tra le dita
ricorda che l’ironia ti salverà la vita
ti salverà
Ed io ti penserò in silenzio
nelle notti d’estate,
nell’ora del tramonto
quella muta delle fate
e parlerò al mio cuore
perché, domani partirai
in silenzio
ma in una notte di estate
io ti verrò a cercare
io ti verrò a parlare
e griderò al mio cuore
perché…tu lo possa sentire
sì, lo possa sentire
tu lo possa sentire

di Marco MolendiniAchille Lauro presenta il nuovo disco: «X Factor? Ancora non so nulla»

Un disco felice e disperato, che luccica di citazioni, brilla di ritmi, brucia come può bruciare la vita di un ragazzo che viene dalla periferia abbandonata: «Le nostre vite ai margini tu non le immagini», canta in Roma, pezzo dedicato alla sua città, e fantastica «voglio una villa come il Colosseo» in Je t’aime, dove duetta con Coez. Achille Lauro, non si fa ammorbidire dal successo, che pure gli è piovuto addosso a 28 anni dopo il Sanremo di Rolls Royce: continua a sognare cabrio, Cadillac, Porsche, Elvis e Jim Morrison, una vita spericolata, evoca Lucifero, suggerisce esistenze perdute e amori disperati : «Finiscimi… tradiscimi… zittiscimi», implora C’est la vie, come titola il singolo che ha anticipato l’uscita del nuovo disco 1969, in cui le chitarre dominano in un zig zag fra punk e hip hop.

Lauro, perché quel titolo: 1969.
«Nel ‘69 ci sono stati lo sbarco sulla luna e Woodstock. È stata per l’umanità l’epoca più importante a livello creativo, un periodo di libertà in cui si facevano dischi che vendono ancora oggi. Rispecchiano tutto ciò a cui mi ispiro. Assurdo, il caso: anche Sanremo, che mi ha dato tanta visibilità e nuova popolarità era alla sua sessantanovesima edizione».

Il successo del Festival l’ha spinta a cambiare qualcosa nel disco?
«Dodici ore dopo la botta di Sanremo ero barricato in studio. Non mi interessava cavalcare l’onda, anche se i pezzi erano lì da almeno un anno e mezzo. Ho sempre lavorato come un operaio, cercando il successo. Mi interessava, però, come all’Ariston, liberarmi dell’etichetta trap. Io sono un outsider, mio fratello chitarrista mi ha fatto fare una full immersion nel punk vecchio e nuovo, ma ascolto tutto dai cantautori ai più giovani interpreti».

Tornando al successo, avrà ricevuto un sacco di proposte: ora viene data per certa la sua presenza a X Factor.
«Sarebbe bello, ma ancora non so nulla. Sarebbe il mio lavoro, visto che come management mi occupo di altri artisti. Comunque non sarà la tv a cambiare la mia vita».

Che è già cambiata molto, grazie alla musica.
«Faccio musica da sempre. A 14 anni vivevo con mio fratello in una comunità di musicisti».

I ricordi della sua vita in periferia sono molto presenti.
«Le mie canzoni sono piccoli racconti, ovviamente Roma, dove sono cresciuto, è protagonista. È una grande città malgestita, ti lascia un senso drammatico di abbandono. Penso a Corviale dove 10, 15 anni fa vennero spostate le persone che vivevano in centro nelle case popolari dicendo rientrerete. Invece sono ancora lì».

Quel senso di abbandono, di disperazione nei suoi pezzi è in forte contrasto con le tante evocazioni del lusso.
«Quei riferimenti sono la voglia di liberarsi delle preoccupazioni, non di arricchirsi».

Ci torna mai nel suo quartiere?
«Ci sono tutti i miei amici. Ma mi dispiace vedere i ragazzi che a 30 anni non hanno nulla in mano, non sanno che fare e poi si fanno cazzate».

Lei, invece, ce l’ha fatta.
«Sono stato fortunato, ma nel mio quartiere sono usciti anche Coez, Noyz Narcos, Gemitaiz. Penso che l’arte in grande misura nasca proprio a Roma, per i suoi malesseri».

Però si è trasferito a Milano.
«Da due anni, per lavoro. La vita a Milano è più frenetica, non c’è quel senso di vuoto».

Superate le polemiche sanremesi su “Rolls Royce”, accusato di essere un inno alla droga?
«Ci sono rimasto male per questa gogna mediatica. È un grosso problema che io conosco bene, ma va affrontato non superficialmente a livello educativo: gli artisti non sono educatori».

C’è grande attesa per questo disco.
«Quello che deve arrivare arriverà. Ma penso soprattutto ai concerti, la dimensione rendo di più. Saranno un evento. Queste canzoni nascono per il live e la musica è fatta per essere cantata con la gente».

Era Una Vita Che Ti Stavo Aspettando Francesco Renga

Se fossi tu,
al posto mio
ad osservarti appena ti alzi e ti muovi
e con le mani ti accarezzi i capelli.
Se fossi tu
chissà se riusciresti,
ad indossare per un’ora i miei occhi
e a fissarti fino a che non ti stanchi.
Ah, ma quanto pesa l’anima?
Pochi grammi soltanto,
ma i più pesanti che un uomo ha.
Guardo il cielo sopra la città che sta morendo,
penso che forse non te l’ho mai detto,
ma era una vita che ti stavo aspettando.
Perché non solo sei bellissima,
ma la più bella del mondo.
Mentre ti guardo sognare io penso:
era una vita che ti stavo aspettando.
Stringimi adesso.
E se fossi tu l’unico rimedio
per non cadere dentro i soliti errori
che ogni volta non riusciamo a evitare
Ah, ma quanto pesa quest’anima?
Pochi grammi soltanto,
ma i più pesanti che un uomo ha.
Guardo il cielo sopra la città che sta morendo,
penso che forse non te l’ho mai detto,
ma era una vita che ti stavo aspettando.
Perché non solo sei bellissima,
ma la più bella del mondo.
Mentre ti guardo sognare io penso:
era una vita che ti stavo aspettando.
Stringimi adesso,
stringimi adesso,
stringimi adesso.
Guardo il cielo sopra la città per cercare il paradiso
e poi lo trovo lì sopra il tuo viso
mentre ridi prendendomi in giro.
E sei fantastica anche quando sei incazzata con il mondo,
mentre ti guardo sognare io penso:
era una vita che ti stavo aspettando.
Stringimi adesso.
Stringimi adesso.
Stringimi adesso.
Stringimi adesso.

Chiusi In Un Miracolo Cesare Cremonini

Vorrei stare tutto il tempo
sotto un albero di mele con te,
tutto il giorno così…
Sarò sincero nel dirti quante volte
ho pensato di rilassarmi con te,
… e parlando del più e del meno
far cadere gli occhi sul tuo seno,
senza un perché…
Nudi accarezzandoci sempre,
nudi accarezzandoci un po’,
graffi e morsi sulla pelle:
chiusi in un miracolo!
Chiusi in un miracolo, chiusi in un miracolo…
Chiusi in un miracolo!
Io lavoro, tutto il giorno e quando torno a casa,
stanco da te,
vorrei le tue caramelle…
Io con loro non ci esco, voglio solamente stare con te,
in una notte di stelle…
Nudi accarezzandoci sempre,
nudi accarezzandoci un po’,
graffi e morsi sulla pelle,
chiusi in un miracolo!
Chiusi in un miracolo,
chiusi in un miracolo…
Chiusi in un miracolo!
Dimmi di no, che non hai altro al mondo,
che non ce n’è bisogno,
sei tu la notte e il giorno:
non mi svegliare non voglio
tornare nel mio mondo…
Chiusi in un miracolo,
chiusi in un miracolo…
Chiusi in un miracolo,
chiusi in un miracolo…

Rag’n’Bone Man I understood loneliness

Ho compreso la solitudine

Before I knew what it was
Prima di capire che cosa fosse

I saw the pills on the table
Ho visto le pillole sul tavolo

For your unrequited love
Per il tuo amore non corrisposto

I would be nothing
Non sarei nulla

Without you holding me up
Senza te che mi abbracci

Now strong enough for both of us
Ora sono abbastanza forte per entrambi

Both of us, both of us, both of us
Entrambi, entrambi, entrambi

I am a giant (Ooh)
Sono un gigante (Ooh)

Stand up on my shoulders, tell me what you see
Alzati sulla mie spalle, dimmi cosa vedi

‘Cause I am a giant (Ooh)
Perché io sono un gigante (Ooh)

We’ll be breaking boulders, underneath our feet
Romperemo i macigni, sotto ai nostri piedi

I am, I am, I am, I am, I am, I am a giant (Oh)
Io sono, sono, sono, sono, sono, sono un gigante (Oh)

I am, I am, I am, I am, I am, I am a giant (Oh)
Io sono, sono, sono, sono, sono, sono un gigante (Oh)

Don’t hide your emotions
Non nascondere le tue emozioni

You can throw down your guard
Puoi abbassare la guardia

And freed from the notion
E liberarti dalla nozione,

We can be who we are
Possiamo essere ciò che siamo

You taught me something, yeah
Mi hai insegnato qualcosa, sì

That freedom is ours
Che la libertà è nostra

It was you who taught me living is
Sei stata tu a insegnarmi che la vita è

Togetherness, togetherness, togetherness
stare insieme, insieme, insieme

I am a giant (Ooh)
Sono un gigante (Ooh)

Stand up on my shoulders, tell me what you see
Alzati sulla mie spalle, dimmi cosa vedi

‘Cause I am a giant (Ooh)
Perché io sono un gigante (Ooh)

We’ll be breaking boulders, underneath our feet
Romperemo i macigni, sotto ai nostri piedi

I am, I am, I am, I am, I am, I am a giant (Oh)
Io sono, sono, sono, sono, sono, sono un gigante (Oh)

I am, I am, I am, I am, I am, I am a giant (Oh)
Io sono, sono, sono, sono, sono, sono un gigante (Oh)

Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh
Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh

Gonna shake, all the way, in the dirt, underneath, yeah, yeah
Scuoterai, fino in fondo, la terra, sotto, sì, sì

Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh
Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh

Gonna shake, all the way, in the dirt, underneath, yeah, yeah
Scuoterai, fino in fondo, la terra, sotto, sì, sì

Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh
Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh

Gonna shake, all the way, in the dirt, underneath, yeah, yeah
Scuoterai, fino in fondo, la terra, sotto, sì, sì

Gonna shake, all the way, in the dirt, underneath, yeah, yeah
Scuoterai, fino in fondo, la terra, sotto, sì, sì

Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh
Oh, oh, oh, hey-oh, oh, oh, oh, hey-oh

Gonna shake, all the way, in the dirt, underneath, yeah, yeah
Scuoterai, fino in fondo, la terra, sotto, sì, sì

Gonna shake, all the way, in the dirt, underneath
Scuoterai, fino in fondo, la terra, sotto, sì, sì

(Ooh)
(Oh)

I am, I am, I am (Ooh)
lo sono, lo sono, lo sono

I am, I am, I am, I am, I am a giant (Ooh)
(Oh) Io sono, sono, sono, sono, sono un gigante (Oh)

I am, I am, I am, I am, I am a giant (Ooh)
Io sono, sono, sono, sono, sono un gigante (Oh)

Eros Ramazzotti per le strade

Il vento che viene dal mare
Il vento che viene dal mare

mi dice che è già primavera
mi dice che è già primavera

ed in un attimo scompare
ed in un attimo scompare

quella nostalgia leggera che mi prende
quella nostalgia leggera che mi prende

Porque un lago de pronto se vuelve con ella un océano
Perchè un lago velocemente diventa un oceano con lei

y el latido del mundo te envuelve por donde va
E il battito del mondo ti avvolge lì dove lei va

Come un suono, un silenzio, d’estate le foglie degli alberi
Come un suono, un silenzio, d’estate le foglie degli alberi

todo tiene música si está
La musica è ovunque, se c’è lei

Solo con lei
Solo con lei

non importa pioggia o vento
non importa pioggia o vento

prenderemo quello che verrà
prenderemo quello che verrà

quando siamo insieme sento
quando siamo insieme sento

sono a casa mia in ogni città
sono a casa mia in ogni città

Sin un destino, sin un plan
Senza un destino, senza un piano

y sin complicaciones
e senza complicazioni

Iremos por el mundo como van
andremo per il mondo come vanno

per le strade una canzone
per le strade una canzone

por las calles las canciones
per le strade le canzoni

Un día dura apenas un momento (un momento)
Un giorno dura appena un momento

cuando estoy con ella se me olvida el tiempo
quando sto con lei mi dimentico del tempo che scorre

perché anche per terra si accende una stella
perchè anche per terra si accende una stella

negli occhi suoi
negli occhi suoi

è tutta un’altra musica con lei
è tutta un’altra musica con lei

Solo si está, no importa lluvia o viento
Solo se c’è lei non mi importa della pioggia o del vento

Lo que tenga que venir vendrá
quel che dovrà venire, verrà

cuando estamos juntos siento
quando stiamo insieme sento

que estoy en casa en cualquier ciudad
che sono a casa in qualsiasi città

Senza preavviso, anticipo
Senza preavviso, anticipo

senza destinazione
senza destinazione

andremo per il mondo come va
andremo per il mondo come va

per le strade una canzone (una canción)
per le strade una canzone (una canzone)

por las calles las canciones
per le strade le canzoni

Notti che fino all’alba non dormono
Notti che fino all’alba non dormono

perché la vita è un miracolo da vivere (para vivir)
perché la vita è un miracolo da vivere (da vivere)

por ella sé que hoy
per lei so che oggi

Nuevos amores comenzarán
nuovi amori cominceranno

Y las guitarras van a tocar
e le chitarre suoneranno

sotto le stelle una canzone
sotto le stelle una canzone

per lei
per lei

Baila baila
Balla, balla

Non importa pioggia o vento
Non importa pioggia o vento

prenderemo quello che verrà
prenderemo quello che verrà

cuando estamos juntos siento
quando stiamo insieme sento

que estoy en casa en cualquier ciudad
che sono a casa in qualsiasi città

senza preavviso, anticipo
senza preavviso, anticipo

senza destinazione
senza destinazione

Iremos por el mundo como van
andremo per il mondo come vengono

por las calles las canciones
per le strade le canzoni

por las calles las canciones
per le strade le canzoni

per le strade una canzone (esta canción)
per le strade una canzone (questa canzone)

Italia y Portorico (dame, dame)
Italia e Portorico (dammi, dammi)

una canción (hermanito)
una canzone (fratellino)

por las calles las canciones
per le strade le canzoni

Italia Portorico
Italia Portorico

no no no… juntos!
no no no… i

Franco Battiato la cura

La Cura
Franco Battiato
Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te.
Vagavo per i campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissà).
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza.
Percorreremo assieme le vie che portano all’essenza.
I profumi d’amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d’agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto.
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
Ti salverò da ogni malinconia,
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te…
io sì, che avrò cura di te.

Queen

Queen
Shawn Mendes
It’s hard to believe you don’t remember me at all
È difficile credere che tu non ti ricordi affatto di me

Am I hard to recognize?
Sono difficile da riconoscere?

You say “nice to meet you” every time
Dici “piacere di conoscerti” ogni volta

Yeah and I made you laugh
Sì e ti ho fatto ridere

I still remember what I said
Ricordo ancora quello che ho detto

Guess I shouldn’t be surprised
Credo che non dovrei essere sorpreso

You say “nice to meet you” every time
Dici “piacere di conoscerti” ogni volta

I know we got a lot of mutual friends
So che abbiamo molti amici in comune

Don’t say my name, don’t come up in your conversations
Non dici il mio nome, non capita spesso di parlarne

Yeah

Who crowned you queen of
Chi ti ha incoronato regina?

You think you’re too cool
Pensi di essere troppo figa

Making beautiful look ugly
Fai passare per brutto quello che è bello

The way you put yourself above me
Il modo in cui ti metti sopra di me

You treat me
Mi tratti

Like I got nothin’ on you
Come se non avessi potere su di te

Making beautiful look ugly
Fai passare per brutto quello che è bello

You ain’t the ruler of no country
non sei la governatrice di nessun paese

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

I shouldn’t stress about
Non dovrei stressarmi per

The fact you’re not impressed
il fatto che non sei colpita

Are you playing hard to get?
Stai facendo la parte di chi è difficile da conquistare?

Or maybe you’re not interested
O forse non sei interessata

I don’t understand
Non capisco

Why everybody thinks you’re sweet
come mai tutti pensino che tu sia dolce

‘Cause I see the opposite
perché io vedo il contrario

No, you’re not so innocent
No, non sei così innocente

I see the way you’re lookin’ through me right now
Vedo il modo in cui mi stai guardando ora

To see if there’s somebody cooler around, yeah
Per vedere se c’è qualcuno in giro di più figo, sì

Who crowned you queen of
Chi ti ha incoronato regina?

You think you’re too cool
Pensi di essere troppo figa

Making beautiful look ugly
Fai passare per brutto quello che è bello

The way you put yourself above me
Il modo in cui ti metti sopra di me

You treat me
Mi tratti

Like I got nothin’ on you
Come se non avessi potere su di te

Making beautiful look ugly
Fai passare per brutto quello che è bello

You ain’t the ruler of no country
non sei la governatrice di nessun paese

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

No, no, no, no
No no no

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

Who crowned you queen of
Chi ti ha incoronato regina?

You think you’re too cool
Pensi di essere troppo figa

Making beautiful look ugly
Fai passare per brutto quello che è bello

The way you put yourself above me (nah, yeah)
Il modo in cui ti metti sopra di me

You treat me
Mi tratti

Like I got nothin’ on you
Come se non avessi potere su di te

Making beautiful look ugly (making beautiful look ugly)
Fai passare per brutto quello che è bello

You ain’t the ruler of no country (you ain’t the ruler of no country babe)
non sei la governatrice di nessun paese

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

Yeah, you think you’re too cool, no
sì pensi di essere troppo figa, no

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

Who made you the queen?
Chi ti ha reso regina?

Anche Fragile Elisa

Tienimi su quando sto per cadere
tu siediti qui
parlami ancora
se non ho parole
io non te lo chiedo mai
ma portami al mare, a ballare
non ti fidare
sai, quando ti dico che va tutto bene così
e perdonami
sono forte sì
ma poi sono anche fragile
Non serve niente di particolare
solo tornare a pensare
che tutto è bello e speciale
non si dice mai
ma voglio impegnarmi
e salvare un pezzo di cuore
io non vivo senza sogni
e tu sai che è così
e perdonami se sono forte sì
e se poi sono anche fragile
Vieni qui
ma portati gli occhi e il cuore
io ti porto un gelato
che non puoi mangiare
e piangiamo insieme
che non piangi mai
mai
e non nasconderti
con le battute, non mi allontanare
invece dimmi cosa ti andrebbe di fare
che ridiamo insieme, che ridiamo sempre
sempre, sempre, ma non basta mai
mai
Io il confine non lo so vedere
sai che non mi piace dare un limite un nome alle cose
lo trovi pericoloso, non sai come prendermi mi dici
“non lo so se ti credo”
senza tutta questa fretta mi ameresti davvero?
Mi cercheresti davvero?
quella forte sì, però anche quella fragile
Vieni qui
ma portati anche gli occhi e il cuore
io so disobbedire, questo lo sai bene
e piangiamo insieme che non piangi mai
mai
e non nasconderti
con le battute, non mi sconcentrare
stiamo a vedere dove possiamo arrivare
che ridiamo insieme, che ridiamo sempre
sempre, sempre, ma non basta mai
mai mai mai
mai mai mai
mai mai mai
Vieni qui
ma portati anche gli occhi e il cuore
io ti porto un gelato che non puoi mangiare
e piangiamo insieme che non piangi mai
mai e non nasconderti
con le battute, non mi sconcentrare
stiamo a vedere dove possiamo arrivare
e ridiamo insieme, che ridiamo sempre
sempre, sempre, ma non basta mai
mai mai mai
mai mai mai
mai mai mai

Daniel Johnson the story of an artist

Listen up and I’ll tell a story
ascolta e ti racconterò una storia

About an artist growing old
su di un artista che sta invecchiando

Some would try for fame and glory
alcuni ci provano per fama e gloria

Others aren’t so bold
altri non sono così coraggiosi

Everyone, and friends and family
tutti, gli amici e la famiglia

Saying, “Hey! Get a job!”
dicono, “hey, trovati un lavoro”!

“Why do you only do that only?
“perchè fai solo quello”?

Why are you so odd?
perché sei così strano?

We don’t really like what you do
non ci piace molto quello che fai

We don’t think anyone ever will
non crediamo piacerà mai a qualcuno

It’s a problem that you have
“è un problema che hai tu

And this problem’s made you ill.”
e questo problema di farà ammalare”.

Listen up and I’ll tell a story
ascolta e ti racconterò una storia

About an artist growing old
su di un artista che sta invecchiando

Some would try for fame and glory
alcuni ci provano per fama e gloria

Others aren’t so bold
altri non sono così coraggiosi

The artist walks alone
l’artista cammina da solo

Someone says behind his back
qualcuno dice alle sue spalle

“He’s got his gall to call himself that!
“lui è un insolente a definirsi un artista!

He doesn’t even know where he’s at!”
non sa nemmeno dove si trova!”

The artist walks among the flowers
l’artista cammina in mezzo ai fiori

Appreciating the sun
ammira il sole

He does this all his waking hours
fa questo tutte le ore del giorno

But is it really so wrong?
ma è davvero così sbagliato?

They sit in front of their TVs
loro si siedono di fronte alle loro televisioni

Saying, “Hey! This is fun!”
dicono, “hey, questo è divertente!”

And they laugh at the artist
e deridono l’artista

Saying, “He doesn’t know how to have fun.”
dicono, “non sa nemmeno come divertirsi.”

The best things in life are truly free
le migliori cose nella vita sono realmente gratis

Singing birds and laughing bees
uccelli che cantano e api che ridono

“You’ve got me wrong”, says he
“mi hai frainteso”, lui disse

“The sun don’t shine in your TV”
“il sole non splende dentro la tua TV”

Listen up and I’ll tell a story
ascolta e ti racconterò una storia

About an artist growing old
su di un artista che sta invecchiando

Some would try for fame and glory
alcuni ci provano per fama e gloria

Others aren’t so bold
altri non sono così coraggiosi

Everyone, friends and family
tutti, gli amici e la famiglia

Saying, “Hey! Get a job!”
dicono, “hey, trovati un lavoro”!

“Why do you only do that only?
“perchè fai solo quello”?

Why are you so odd?
perché sei così strano?

We don’t really like what you do
non ci piace molto quello che fai

We don’t think anyone ever will
non crediamo piacerà mai a qualcuno

It’s a problem that you have
“è un problema che hai tu

And this problem’s made you ill.”
e questo problema di farà ammalare”.

Listen up and I’ll tell a story
ascolta e ti racconterò una storia

About an artist growing old
su di un artista che sta invecchiando

Some would try for fame and glory
alcuni ci provano per fama e gloria

Others just like to watch the world
altri amano solamente guardare il mondo

Abbi Cura di me Simone Cristicchi

Adesso chiudi dolcemente gli occhi e stammi ad ascoltare
Sono solo quattro accordi ed un pugno di parole
Più che perle di saggezza sono sassi di miniera
Che ho scavato a fondo a mani nude in una vita intera
Non cercare un senso a tutto perché tutto ha senso
Anche in un chicco di grano si nasconde l’universo
Perché la natura è un libro di parole misteriose
Dove niente è più grande delle piccole cose
È il fiore tra l’asfalto lo spettacolo del firmamento
È l’orchestra delle foglie che vibrano al vento
È la legna che brucia che scalda e torna cenere
La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere
Perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi
E non esiste un altro giorno che sia uguale a ieri
Tu allora vivilo adesso come se fosse l’ultimo
E dai valore ad ogni singolo attimo
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrò paura di cadere
Che siamo in equilibrio
Sulla parola insieme
Abbi cura di me
Abbi cura di me
Il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro
Basta mettersi al fianco invece di stare al centro
L’amore è l’unica strada, è l’unico motore
È la scintilla divina che custodisci nel cuore
Tu non cercare la felicità semmai proteggila
È solo luce che brilla sull’altra faccia di una lacrima
È una manciata di semi che lasci alle spalle
Come crisalidi che diventeranno farfalle
Ognuno combatte la propria battaglia
Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia
Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso
Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso
Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo
Anche se sarà pesante come sollevare il mondo
E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte
E ti basta solo un passo per andare oltre
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrai paura di cadere
Che nonostante tutto
Noi siamo ancora insieme
Abbi cura di me qualunque strada sceglierai, amore
Abbi cura di me
Abbi cura di me
Che tutto è così fragile
Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino
Perché mi trema la voce come se fossi un bambino
Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte e non lasciarmi andare.
Abbi cura di me

I Tuoi Particolari ultimo

È da tempo che non sento più
La tua voce al mattino che grida “bu”
E mi faceva svegliare nervoso ma
Adesso invece mi sveglio e sento che
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
“Sei sempre stanco perché tu non hai orari…”
È da tempo che cucino e
Metto sempre un piatto in più per te
Sono rimasto quello chiuso in sé
Che quando piove ride per nascondere
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
“Ti senti solo perché non sei come appari”
Oh, fa male dirtelo adesso
Ma non so più cosa sento
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui.
È da tempo che cammino e
Sento sempre rumori dietro me
Poi mi giro pensando che ci sei te
E mi accorgo che oltre a me non so che c’è
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
“Sei sempre stanco perché tu non hai orari…”
Oh, fa male dirtelo adesso
Ma non so più cosa sento
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui
Fra i miei e i tuoi particolari
Potrei cantartele qui
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui.

Coez è sempre bello

E’ quasi sempre bello
se dal buio arriva il giorno
è bello se le nuvole
sono solo un contorno
a volte è bello avere 18 anni
è bello se mi chiami è bello se rimani
è bello se rimandi un po’
quando stai per venire
ha un fascino più forte
tutto ciò che può finire
gli hai visti i nuovi euro da 20, boh che dire
i soldi sono sempre belli
erano belle anche le lire
è bella questa stanza pure se ci sto da solo
è bello questo hangover visto che oggi non lavoro
è bello se scopiamo al buio e invece fuori è giorno
è sempre bello averti intorno
Oggi voglio andare al mare anche se non è bello
oggi sai che voglio fare
fare come quando piove e io mi scordo l’ombrello
Capisci i sentimenti quando te li fanno a pezzi
è bello rimettere insieme i pezzi
vedere che alla fine stanno in piedi anche da soli
è bello stare insieme saper stare da soli
è bello essere il primo,
bello andare lontano
stamattina con il sole era bella anche Milano
e tu che abbassi gli occhi quando dico
che sei sempre più bella
sei sempre più bella
Oggi voglio andare al mare anche se non è bello
oggi sai che voglio fare
fare come quando piove e io mi scordo l’ombrello
Là fuori com’è?
come lo volevi
dietro le serrande il sole
Là fuori com’è?
come me e te
Quasi sempre bello eppure
Oggi voglio andare al mare anche se non è bello
oggi sai che voglio fare
fare come quando piove e io mi scordo l’ombrello
Oggi voglio andare al mare anche se non è bello
oggi sai che voglio fare
fare come quando piove e io mi scordo l’ombrello
Là fuori com’è?
Come me e te
non sempre bello eppure

Luna E Sole

Luna ritmo oscuro simbolo di un viaggio
processo naturale che scandisce la notte
capirne e rubarne un po’ il segreto
attraverso la musica diventa verso
La luna non conosce discriminazioni
il suo ritmo non conosce confini
madre di ogni terra
di tutte le lingue
basta amarla sai per farsi capire
ogni paese ha il suo ritmo
e i ritmi si fondono tra loro
la luna non conosce razzismo e col suo ritmo
è come un rito per il corpo e per la mente
Sole ritmo e luce simbolo di un viaggio
processo naturale che scandisce il tuo giorno
capirne e rubarne un po’ il segreto
attraverso la musica diventa verso
Il sole non conosce discriminazioni
il suo ritmo non conosce confini
padre di ogni terra
di tutte le lingue
basta amarlo sai per farsi capire
Il sole non conosce discriminazioni
il suo ritmo non conosce confini
padre di ogni terra
di tutte le lingue
basta amarlo sai per farsi capire
ogni paese ha il suo ritmo
e i ritmi si fondono tra loro
il sole non conosce razzismo e col suo ritmo
è come un rito per il corpo e per la mente
La luna e il sole vivono tra le persone
il loro ritmo non conosce confini
sconfiggono le guerre i fanatici ostili
basta amare sai per farsi capire
Il sole non conosce discriminazioni
il suo ritmo non conosce confini
padre di ogni terra
di tutte le lingue
basta amarlo sai per farsi capire
ogni paese ha il suo ritmo
e i ritmi si fondono tra loro
la pace non conosce razzismo e col suo ritmo è come un rito per il corpo e per la mente!

Programmazione del lunedì 7 gennaio 2019

Buon pomeriggio atutti, nell’ augurarvi buon anno e buon inizio di settimana, vi ricordiamo gli appuntamenti del lunedì dalle ore 16:00 alle ore 17:00 la classifica delle canzoni italiane più ascoltate. top chart insieme a Cristina e francesco. Per concludere la giornata alle ore 21:00 tutta la musica nostrana. Viva l’Italia insieme a Cesare. Per ascoltare queste e tante altre trasmissioni di sandalia Isola meravigliosa collegatevi su due punti http://www.sandaliaiem.altervista.org oppure scaricando l’app gratuita di sandalia Isola meravigliosa dallo stor di Google play e app store. Buon ascolto a tutti dallo staff.

Fabrizio De Andrè

Io mi chiamo Pasquale Cafiero
e son brigadiere del carcere oinè
io mi chiamo Cafiero Pasquale
sto a Poggio Reale dal ’53
e al centesimo catenaccio
alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che al braccio speciale
c’è un uomo geniale che parla co’ me
Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacchè
tutte l’ore cò ‘sta fetenzia
che sputa minaccia e s’à piglia cò me
ma alla fine m’assetto papale
mi sbottono e mi leggo ‘o giornale
mi consiglio con don Raffae’
mi spiega che penso e bevimm’ò cafè
A che bell’ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co’ à ricetta ch’à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà
Prima pagina venti notizie
ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s’indigna, s’impegna
poi getta la spugna con gran dignità
mi scervello e mi asciugo la fronte
per fortuna c’è chi mi risponde
a quell’uomo sceltissimo immenso
io chiedo consenso a don Raffaè
Un galantuomo che tiene sei figli
ha chiesto una casa e ci danno consigli
mentre ‘o assessore che Dio lo perdoni
‘ndrento a ‘e roullotte ci alleva i visoni
voi vi basta una mossa una voce
c’ha ‘sto Cristo ci levano ‘a croce
con rispetto s’è fatto le tre
volite ‘a spremuta o volite ‘o cafè
A che bell’ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co’ à ricetta ch’à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà
A che bell’ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co’ à ricetta ch’à Ciccirinella
compagno di cella
precisomammà
Ca’ ci stà l’inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l’ha chi ce l’ha
io non tengo compendio che chillo stipendio
e un ambo se sogno ‘a papà
aggiungete mia figlia Innocenza
vuo’ marito non tiene pazienza
non vi chiedo la grazia pe’ me
vi faccio la barba o la fate da sé
Voi tenete un cappotto cammello
che al maxi processo eravate ‘o chiù bello
un vestito gessato marrone
così ci è sembrato alla televisione
pe’ ‘ste nozze vi prego Eccellenza
mi prestasse pe’ fare presenza
io già tengo le scarpe e ‘o gillè
gradite ‘o Campari o volite ‘o cafè
A che bell’ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co’ à ricetta ch’à Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mammà
A che bell’ò cafè
pure in carcere ‘o sanno fa
co’ à ricetta ch’à Ciccirinella
compagno di cella
preciso mammà
Qui non c’è più decoro le carceri d’oro
ma chi l’ha mai viste chissà
chiste so’ fatiscienti pe’ chisto i fetienti
se tengono l’immunità
don Raffaè voi politicamente
io ve lo giuro sarebbe ‘no santo
ma ‘ca dinto voi state a pagà
e fora chiss’atre se stanno a spassà
A proposito tengo ‘no frate
che da quindici anni sta disoccupato
chill’ha fatto cinquanta concorsi
novanta domande e duecento ricorsi
voi che date conforto e lavoro
Eminenza vi bacio v’imploro
chillo duorme co’ mamma e co’ me
che crema d’Arabia ch’è chisto cafè

Cambiare Alex baroni

Ti nasconderai
dentro i sogni miei
ma io non dormirò
mi dovrà passare…
E quanti amori avrai
che cosa gli dirai
e quanto anche di me
io dovrò cambiare…
Amore, non mi provocare
arriverò fino alla fine di te
amore, mi dovrà passare
per restare libero, cambiare…
Ti nasconderai
dentro gli occhi miei
ma io non guarderò
io dovrò cambiare…
Amore, che non può volare
resterai qui fino alla fine di me
amore, mi dovrà passare
per diventare libero, cambiare, cambiare…
Combatterò con le mie notti bianche
combatterò, devo ricominciare a inventare me
Amore, non mi provocare
arriverò fino alla fine di te
amore da dimenticare
per diventare libero, cambiare, cambiare
e per non cadere più, cambiare…

Laura Pausini un progetto in comune

Lo so
Le differenze tra noi
Sono evidenti però
Tornare indietro
Non è
Mai stato per me
Forse
Sei diverso da me
Ma gli opposti si trovano in sé
Forse
Una logica c’è
La vita non è mai come si immagina
Ma con te
Questa teoria fa a pugni con la pratica
Supererò mille dubbi e paure
Se c’è un progetto di vita in comune
Io lo farò
Lo sai
Non sempre va come vuoi
E tu l’eccezione non sei
Io disarmata così
Continuo da qui
E resto
In piedi anche se
L’animo umano è sensibile
E riesco
A convincermi che
La vita non è mai come si immagina
Ma con te
Questa teoria fa a pugni con la pratica
E con i perché
E se dovrò riscrivere ogni pagina
Accetterò senza dubbi e paure
Questo progetto di vita in comune
L’accetterò senza mezze misure
Per noi lo farò
Per non sprecare un’occasione
L’ultima
L’accetterò
L’accetterò
Io lo farò
Perché
Quello che sento per te
È così palese

Olá Marco Mengoni

Mmmm
Mmmm
Avevo più groove e personalità una volta
Senza bere Malibu per sentirmi me stesso sulla pista
Stavo le ore con la testa sott’acqua una volta
Per conservare il silenzio del mare nella testa
Hola Hola
E non ricordo più
Hola Hola
se in quella notte c’eri tu
e tu che mi tiravi su con dei film stupidi senza dire una parola
non mi capirai mai né domani né ora
e tu preferivi la TV che starmi vicino
e come fai a vivere se attorno al cuore hai il muro di Berlino
facevo delle pause lunghe una volta
ma ridere e ascoltarti per ore non mi basta Mmmm
ballavi latino americano una volta
senza tenere il tempo come quando c’è casino ad una festa
E c’eri sempre tu che mi tiravi su con dei film stupidi senza dire una parola
non mi capirai mai né domani né ora
e tu preferivi la TV che starmi vicino
e come fai a vivere se attorno al cuore hai il muro di Berlino
A cosa è servito studiare spagnolo
se l’unica cosa che so dire è
Hola Hola eh
hola hola eh
hola hola eh
hola hola eh
hola hola
E tu che mi tiravi su con dei film stupidi senza dire una parola
non mi capirai mai né domani né ora
e tu preferivi la TV che starmi vicino
e come fai a vivere se attorno al cuore hai il muro di Berlino
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Hola hola eh
Mmmmm
Mmmmm

Il Mondo Che vorrei Vasco Rossi

Ed è proprio quello che non si potrebbe che vorrei
ed è sempre quello che non si farebbe che farei
ed è come quello che non si direbbe che direi
quando dico che non è così il mondo che vorrei
Non si può
sorvolare le montagne
non puoi andare
dove vorresti andare.
Sai cosa c’è
ogni cosa resta qui.
Qui si può
solo piangere…
…e alla fine non si piange neanche più.
Ed è proprio quando arrivo li che già ritornerei
ed è sempre quando sono qui che io ripartirei
ed è come quello che non c’è che io rimpiangerei
quando penso che non è così il mondo che vorrei.
Non si può
fare quello che si vuole
non si può spingere
solo l’acceleratore.
Guarda un pò
ci si deve accontentare.
Qui si può solo perdere…
….e alla fine non si perde neanche più

CherofobiaMartina Attili

Come te la spiego la paura di essere felici
quando non l’hanno capita nemmeno i miei amici?
Mi dicono di stare calma quando serve
mi portano del latte caldo e delle coperte
Ed è proprio quando stanno a parlare
che vorrei gridare
“grazie a tutti, ora potete andare”
ma resto qui a guardare un film.
Come te la spiego tutta la pazienza
che ci metto ma non riesco a vivere senza
Qualcosa che mi opprime
Che mi indichi la fine
Perché ho un cervello che é strafatto di spine
Ed il mio cuore come un fiore
Crede ancora nel bene
Non sa che i petali,
cadranno tutti insieme
Sarà in quel momento che vorrà scoppiare,
Mi griderà di smetterla di amare.
Questa è la mia cherofobia,
no, non è negatività,
questa è la mia cherofobia
fa paura la felicità,
questa è la mia cherofobia.
Ma tu, resta.
Come lo spiego quando nessuno ti capisce,
quando niente ti ferisce
L’indifferenza più totale verso la forma astrale del male
abbiamo stretto un rapporto speciale.
E provo a raccontarlo in ogni canzone
ma la gente pensa sempre “parli di altre persone”
Ma come tu così carina
con la faccia da bambina
con la voce da piccina
Ma la bambina é cresciuta troppo in fretta,
Tra i muri di una cameretta in cui ha iniziato a stare stretta
E ogni volta che qualcosa va come dovrebbe andare,
Penso di non potercela fare.
E cerco ogni forma di dolore
mischiata al sangue col sudore,
e sento il respiro che manca
e sento l’ansia che avanza,
fatemi uscire da questa benedetta stanza!
Questa è la mia cherofobia,
no, non è negatività,
questa è la mia cherofobia
fa paura la felicità,
questa è la mia cherofobia.
Ma tu, resta.
Dirti che staremo insieme,
Dirti che staremo bene,
Dirti che è così che andrà.
Dirti che staremo insieme,
Dirti io non starò bene,
Sento l’ansia fin da qua.

L’amour Est Un Oiseau Maria Callas

L’amour est un oiseau rebelleQue nul ne peut apprivoiser,Et c’est bien en vain qu’on l’appelle,S’il lui convient de refuser.Rien n’y fait, menace ou prière,L’un parle bien, l’autre se tait;Et c’est l’autre que je préfèreIl n’a rien dit; mais il me plaît.L’amour! L’amour! L’amour! L’amour!L’amour est enfant de Bohême,Il n’a jamais, jamais connu de loi,Si tu ne m’aime pas, je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!Si tu ne m’aime pas,Si tu ne m’aime pas, je t’aime!Mais, si je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!Si tu ne m’aime pas,Si tu ne m’aime pas, je t’aime!Mais, si je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!L’oiseau que tu croyais surprendreBattit de l’aile et s’envola;L’amour est loin, tu peux l’attendre;Tu ne l’attend plus, il est là!Tout autour de toi vite, vite,Il vient, s’en va, puis il revient!Tu crois le tenir, il t’évite;Tu crois l’éviter, il te tient!L’amour, l’amour, l’amour, l’amour!L’amour est enfant de Bohême,Il n’a jamais, jamais connu de loi,Si tu ne m’aime pas, je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!Si tu ne m’aime pas, je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!Si tu ne m’aime pas,Si tu ne m’aime pas, je t’aime!Mais, si je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!Si tu ne m’aime pas,Si tu ne m’aime pas, je t’aime!Mais, si je t’aime,Si je t’aime, prend garde à toi!

La Rondine

Ti vorrei,ti vorrei
come sempre ti vorrei
notte farà,mi penserai
ma tu che ne sai dei sogni
quelli son miei, non li vendo
Che ne sai,che ne sai
chissà che mi scriverai
forse un addio,o forse no
ma tu che ne sai dei sogni…
Nonostante tu sia
la mia rondine andata via,
sei il mio volo a metà
sei il mio passo nel vuoto
Dove sei,dove sei
Dove sei,dove sei dove sei
Unico amore che…rivivrei
sai di vento del Nord
sai di buono ma non di noi
stessa luna a metà
sei nel cielo sbagliato…
Non lo so,non lo so
quanto tempo ammazzerò
mio libro mio,non ti leggerò
baciandoti sulla bocca…
lo scriverò un altra volta…
Nonostante tu sia…..
Nonostante tu sia
la mia rondine andata via
sei il mio volo a metà
sei il mio passo nel vuoto…
Dove sei,dove sei
Dove sei,dove sei dove sei
Unico amore che…rivivrei
sai di vento del Nord
sai di buono ma non di noi
stessa luna a metà
sei nel cielo sbagliato…
Nonostante tu sia la mia rondine andata via
stessa luna a metà
sei nel cielo sbagliato…

l’angolo della musica

ciao buon pomerigio in questo momento sta andando lovesongs, insieme a dany fino alle ore 18. canzoni d’amore e di amicizia contornatoda frasi, poesia e lettere. a seguire alle ore 18 fino alle ore 20 quando vien la sera insieme ad anto. per ascoltare http://www.sandaliaim.altervista.org ho scaricando l’app gratuita di sandalia isola meravigliosa dallo store di google play e apple store. buon ascolto dallo staff.

L’angolo della musica

Tell me something girl…
Dimmi una cosa ragazza…

Are you happy in this modern world?
Sei felice in questo mondo moderno

Or do you need more?
O ti serve di più?

Is there something else you’re searching for?
C’è qualcos’altro che stai cercando?

I’m falling
Sto cadendo

In all the good times I find myself longin’ for change
In tutti i bei momenti mi sono trovata a desiderare un cambiamento

And in the bad times I fear myself
E nei brutti momenti ho paura di me stesso

Tell me something boy…
Dimmi una cosa ragazzo…

Aren’t you tired trying fill that void
Non sei stanco di provare a riempire quel vuoto?

Or do you need more?
O ti serve di più?

Ain’t it hard keeping it so hardcore
Non è difficile restare così intransigenti?

I’m falling
Sto cadendo

In all the good times I find myself longin’ for change
In tutti i bei momenti mi sono trovata a desiderare un cambiamento

And in the bad times I feel myself
E nei brutti momenti ho paura di me stessa

I’m off the deep end, watch as I dive in
Sono fuori di testa, guarda mentre mi tuffo

I’ll never meet the ground
Non arriverò mai a terra

Crash through the surface, where they can’t hurt us
Schiantarsi sulla superficie, dove loro non possono ferirci

We’re far from the shallow now
Siamo lontani dal superficiale ora

In the shallow, shallow
Nel superficiale, superficiale

In the shallow, shallow
Nel superficiale, superficiale

In the shallow, shallow
Nel superficiale, superficiale

We’re far from the shallow now
Siamo lontani dal superficiale ora

Wooaaaah
Wooaaaah

Woaaaaaaaaaaah
Woaaaaaaaaaaah

I’m off the deep end, watch as I dive in
Sono fuori di testa, guarda mentre mi tuffo

I’ll never meet the ground
Non arriverò mai a terra

Crash through the surface, where they can’t hurt us
Schiantarsi sulla superficie, dove loro non possono ferirci

We’re far from the shallow now
Siamo lontani dal superficiale ora

In the shallow, shallow
Nel superficiale, superficiale

In the shallow, shallow
Nel superficiale, superficiale

In the shallow, shallow
Nel superficiale, superficiale

We’re far from the shallow now
Siamo lontani dal superficiale ora

L’angolo della musica

Contenuto pagina 1, buongiorno!

gli appuntamenti di mercoledì 21 novembre 2018.

ore 16:00,

My rock an soul, insieme ad enrico gallotta.

un’ora di buona musica rock e soul!

ore 17:00,

favolandia, insieme a dany.

favole audio o raccontate dalla nostra speaker,

contornate da buona musica dello zecchino d’oro!

ore 18:00,

cena a lume di canzoni, insieme a cesare.

oggi il nostro tema sarà, figli delle stelle!

e per concludere la nostra serata,

ore 21:00,

hasta la vista, insieme a gerry longo.

i molteplici ospiti, uno diverso dall’altro, ogni sera,

si raccontano, parlando di se e di ciò che fanno!

per ascoltarli e ascoltare le nostre trasmissioni:

http://www.sandaliaim.altervista.org

o scaricando l’app gratuita di sandalia, isola meravigliosa,

dallo store di google play e apple store.

p.s: scaricando l’app, potrete ricevere una notifica di quando saremo in onda.

se vi va, cliccate mi piace alla pagina facebook,

sandalia, isola meravigliosa o

seguiteci su twitter, @sandalia2018.

buon ascolto e buona musica a tutti.

lo staff di sandalia, isola meravigliosa.
, Casella di modifica, disattivato

Vasco Rossi laverità

Si imbosca tra le nuvole
e mescola le regole
Nessuno sa, se viene o se ne va
Non mette in mostra i muscoli
non crede negli oroscopi
non guarda i film già visti
lei non ama la pubblicità
E tutti lì a discutere
e tutti a dire chi va là
si chiede la parola d’ordine,
com’è, come si veste, quanto costa,
che cos’è, che faccia ha
La verità non è un particolare
La verità, la verità non è per tutti sempre uguale
la verità è solo una parola
la verità, la verità è qualcosa che non puoi comprare
devi sapere da che parte stare
la verità fa male.
Si cercano i colpevoli
Si ascoltano psicologi
ognuno sa chi è stato o chi sarà
si vietano gli alcolici
poi iniziano i proibizionismi isterici
vietato stare qui e stare là
E tutti pronti a crederci
al primo che lo sa
per continuare a chiedersi
dov’è, come si veste, quanto costa,
che cos’è, che faccia ha
La verità non è così banale
la verità, la verità è una faccenda personale
la verità è la televisione
la verità, la verità è che non c’è niente da salvare
che tutti possono sbagliare
La verità non è un particolare
la verità, la verità
non è per tutti sempre uguale,
la verità, è solo una parola
la verità, la verità è qualcosa che non puoi comprare
devi sapere da che parte stare
la verità fa male.

l’angolo della musica

Biagio AntonacciÈ mattina

È mattina, tutti quanti adesso dormono

anche il Cobra adesso dorme, io no.

È mattina, nella mia mente passano

le immagini di un giorno che se ne va.

Un giorno splendido, splendido, splendido…

… È mattina, e mi devo ributtare

tra la gente nelle cose non mi va, no.

È mattina, e non ho neanche studiato

ma sono stato bene al mare ale ale ale ale ale ale ale.

Un giorno splendido, splendido, splendido…

… Da qui a dove devo tornare c’è un grande spazio

è la mia fantasia che ora mi lascia solo,

qui da solo, qui…

… È mattina, e la noia che mi prende

è la gioia che si arrende dentro me.

È mattina, il mio autobus non passa più

poi guardo non ci sei nemmeno tu.

Resistere, resistere, studiare di più…

… Da qui a dove devo tornare c’è un grande spazio

è la mia fantasia che vola vola e torna vola e torna su…

… È mattina, e le cose adesso cambiano

e anche il Cobra sta cambiando la sua vita.

È mattina, e le cose adesso cambiano

e anche questa è una giornata, non è finita.

Il prato delle anime

Sono stato molto tempo fermo lì

a cercare la mia anima nel prato delle anime,

e queste ali malandate sembra che non volo più

ad un tratto un’anima la mia.

Che impressione osservarla da quassu,

qualcosa in me non va è proprio qui che cambierà

il non amore se ne andrà da me, da me, da me…

… e non è fantasia…

… non è la solita brutta bugia…

… ho visto l’anima mia…

… non ha colore ne forma ne odore…

… conosce quello che c’è dentro di me…

… è proprio la mia…

… Da questo sole alto la riflette un po’,

l’ho sentita come dire: “Mi hai lasciata andare via,

come vedi sono libera un po’ come lo eri tu,

hai preferito a me due soldi in più, in più, in più, in più”.

Sono un giocattolo se non torni in me,

sono un barattolo senz’anima,

sono una pagina che puoi saltare,

sono nessuno senza l’anima.

… e l’anima si sollevò…

… passò vicino alla sua bocca…

… e lui, lui, lui, lui la baciò…

… è l’anima mia, è l’anima mia, è l’anima mia.

l’angolodella musica

Per averti pagherei
un milione anche più
anche l’ultima Malboro darei
perché tu sei
oro oro oro
un diamante per un sì
oro oro oro
per averti così
distesa pura ma tu ci stai
perché accetti e ci stai?
E così tu cadi giù
io non ti voglio già più
inaccessibile non sei
non con gli dei
tu sei senza dei
oro oro oro
quanto oro ti darei
oro oro oro
per averti così
distesa pura ma tu ci stai
perché accetti e ci stai
Perché non ti elevi su di noi
e resti lì celeste così
io ti vorrei immune dal sesso
perché ti daresti anche adesso
ooooooorooooooo…
Per averti pagherei
un milione anche più
anche l’ultima malboro darei
perché tu sei
oro oro oro
un diamante per un sì
oro oro oro
per averti così
distesa pura ma tu ci stai
perché accetti e ci stai?
oro oro oro
quanto oro ti darei
oro oro oro
per averti così
distesa pura ma tu ci stai
perché accetti e ci stai?

l’angolo della musica

Quando sono solo
sogno all’orizzonte
e mancan le parole,
Si lo so che non c’è luce
in una stanza quando manca il sole,
se non ci sei tu con me, con me.
Su le finestre
mostra a tutti il mio cuore
che hai acceso,
chiudi dentro me
la luce che
hai incontrato per strada.
Con te partirò.
Paesi che non ho mai
veduto e vissuto con te,
adesso si li vivrò,
Con te partirò
su navi per mari
che, io lo so,
no, no, non esistono più,
con te io li vivrò.
Quando sei lontana
sogno all’orizzonte
e mancan le parole,
e io sì lo so
che sei con me,
tu mia luna tu sei qui con me,
mio sole tu sei qui con me,
con me, con me, con me.
Con te partirò.
Paesi che non ho mai
veduto e vissuto con te,
adesso si li vivrò.
Con te partirò
su navi per mari
che, io lo so,
no, no, non esistono più,
con te io li rivivrò.
Con te partirò
su navi per mari
che, io lo so,
no, no, non esistono più,
con te io li rivivrò.
Con te partirò.
Io con te.

Te ne vai e non ritorni più, 

me lo dici solamente, 

ora che ti sei presa tutta la mia mente. 

La vita è strana e lo sapevo già, 

ma non pensavo capitasse ancora 

di svegliarmi e non trovarti più 

sotto il caldo delle mie lenzuola. 

Scende, scende un lacrima… 

Cresce, cresce la musica… 

Dentro me… 

Io non posso restare così… 

Su ti prego dai ritorna qui! 

Io ti amo veramente! 

Io non voglio restarmene qui, 

qui seduto senza averti qui! 

Io ti amo veramente! 

Io ti amo veramente! 

Brutta bestia la malinconia, 

che se ti prende, ti trascina via, 

come quando non hai più un’idea 

a cui aggrapparti per volare via, 

verso i confini di una libertà 

che quando trovi sembra una galera! 

Scende, scende un lacrima… 

Cresce, cresce la musica… 

Voglio te… 

Io non posso restare così… 

Su ti prego dai ritorna qui! 

Io ti amo veramente! 

Io non voglio restarmene qui, 

qui seduto senza averti qui! 

Io ti amo veramente! 

Io ti amo veramente! 

Ora lo so, 

che di te io mi libererò, 

ma so, 

so comunque però 

che per ora scende, 

scende una lacrima… 

e che cresce, cresce la musica… 

Dentro me… 

Io non posso restare così… 

Su ti prego dai ritorna qui! 

Io ti amo veramente! 

Io non voglio restarmene qui, 

qui seduto senza averti qui! 

Io ti amo veramente! 

Io ti amo veramente! 

Io ti amo veramente.