Lodi

Lodi
O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen.
Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.
INVITATORIO
Signore, apri le mie labbra.
Ant.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
SALMO 94 Invito a lodare Dio
Venite, applaudiamo al Signore,
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
*
Accostiamoci a lui per rendergli grazie,
a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)
*
Il Cristo entrando in Gerusalemme, fu acclamato Re e Messia dalla folla osannante. Riconosciamo anche noi la sovranità universale ed eterna del nostro Salvatore:
Esulta grandemente figlia di Sion, giubila, figlia di Gerusalemme! Ecco, a te viene il tuo re. Egli è giusto e vittorioso, umile, cavalca un asino, un puledro figlio d’asina.
O Dio onnipotente ed eterno, che hai dato come modello agli uomini il Cristo tuo Figlio, nostro Salvatore, fatto uomo e umiliato fino alla morte di croce, fa’ che abbiamo sempre presente l’insegnamento della sua passione, per partecipare alla gloria della risurrezione. Egli è Dio, e vive e regna.
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,
Tu che sei venuto a salvarci dal peccato e dalla morte,
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore
Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso,
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Mi avevano spinto con forza per farmi cadere,
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre
Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri,
Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è diventata testata d’angolo (At 4, 11).
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
A Dio la gloria, nella Chiesa e in Cristo Gesù (cfr. Ef 3, 21).
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato,
Tu che ci hai dato nella croce il nuovo albero della vita,
– fa’ che giungiamo a te nel segno della fede, della speranza e della carità.
lodatelo nel firmamento della sua potenza.
Benedite, opere tutte del Signore, il Signore,
e ha suscitato per noi una salvezza potente
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge
le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo
e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato,
Il Creatore … è benedetto nei secoli (Rm 1, 25).
Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)
come a Merìba, come nel giorno di Massa
Con il tuo sangue, Signore, tu ci hai redenti.
Con il tuo sangue, Signore, tu ci hai redenti.
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
perché ha visitato e redento il suo popolo,
Osanna a te, Cristo figlio di Davide e Re dei secoli,
SALMO 150 Ogni vivente dia lode al Signore
mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.
Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore,
Nella sua mano sono gli abissi della terra,
Da ogni popolo e razza, da ogni lingua e nazione
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)
Benedetto sei tu nel firmamento del cielo,
Benedetto colui che viene nel nome del Signore
la destra del Signore ha fatto meraviglie.
– osanna a te, vincitore dell’inferno e della morte.
in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
– fa’ che gustiamo i suoi frutti di salvezza.
e si è ricordato della sua santa alleanza,
lodatelo per la sua immensa grandezza.
la destra del Signore ha fatto meraviglie,
andiamogli incontro con inni e con canti,
Benedetto sei tu sul trono del tuo regno,
gridando con gioia: Benedetto il Signore!
andiamogli incontro con inni e con canti,
gridando con gioia: Benedetto il Signore!
CANTICO Dn 3, 52-57 Ogni creatura lodi il Signore
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Benedetto il tuo nome glorioso e santo,
Vi benediciamo dalla casa del Signore;
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito,
– guida alla Pasqua eterna la tua Chiesa pellegrina sulla terra.
Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo,
come fuoco che divampa tra le spine,
per noi ha sofferto tentazione e morte.
acclamiamo Cristo che vince la morte:
ma non mi ha consegnato alla morte.
acclamiamo Cristo che vince la morte:
Tu che ascendesti a Gerusalemme per compiere il tuo esodo pasquale,
Come era nel principio, e ora e sempre
Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
pur avendo visto le mie opere. (Ant.)
Ordinate il corteo con rami frondosi
Celebrate il Signore, perché è buono:
Celebrate il Signore, perché è buono;
SALMO 117 Canto di gioia e di vittoria
entrerò a rendere grazie al Signore.
Il Signore mi ha provato duramente,
rallegriamoci ed esultiamo in esso.
Questo è il giorno fatto dal Signore:
degno di lode e di gloria nei secoli.
Nell’angoscia ho gridato al Signore,
degno di lode e di gloria nei secoli.
degno di lode e di gloria nei secoli.
degno di lode e di gloria nei secoli.
degno di lode e di gloria nei secoli.
degno di lode e di gloria nei secoli.
Lodate il Signore nel suo santuario,
Il Signore è con me, non ho timore;
e annunzierò le opere del Signore.
Tutti i popoli mi hanno circondato,
nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.)
Mia forza e mio canto è il Signore,
nella remissione dei suoi peccati,
perciò ho giurato nel mio sdegno:
il gregge che egli conduce. (Ant.)
Benedetto il Signore Dio d’Israele,
perché sei stato la mia salvezza.
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie,
perché andrai innanzi al Signore
La pietra scartata dai costruttori
la destra del Signore si è alzata,
e dalle mani di quanti ci odiano.
lodatelo con cembali squillanti;
Il Signore è con me, è mio aiuto,
ma il Signore è stato mio aiuto.
dove mi tentarono i vostri padri:
Apritemi le porte della giustizia:
lodatelo sulle corde e sui flauti.
nella casa di Davide, suo servo,
Mi hanno circondato come api,
una meraviglia ai nostri occhi.
Poiché grande Dio è il Signore,
Lodatelo con squilli di tromba,
Dona, Signore, la tua salvezza,
È meglio rifugiarsi nel Signore
È meglio rifugiarsi nel Signore
onoriamo il Signore che viene;
onoriamo il Signore che viene;
lodatelo con timpani e danze,
pace e gloria nell’alto dei cieli.
pace e gloria nell’alto dei cieli.
È questa la porta del Signore,
Dica Israele che egli è buono:
eterna è la sua misericordia.
eterna è la sua misericordia.
eterna è la sua misericordia.
eterna è la sua misericordia.
dona, Signore, la tua vittoria!
eterna è la sua misericordia.
Lodatelo con cembali sonori,
che cosa può farmi l’uomo?
egli è stato la mia salvezza.
sono sue le vette dei monti.
è divenuta testata d’angolo;
grande re sopra tutti gli dèi.
Dio, il Signore è nostra luce.
Suo è il mare, egli l’ha fatto,
Grida di giubilo e di vittoria,
nei secoli dei secoli. Amen.
non conoscono le mie vie;
Lodatelo per i suoi prodigi,
Venite, prostràti adoriamo,
salvezza dai nostri nemici,
Non morirò, resterò in vita
che confidare nei potenti.
lodatelo con arpa e cetra;
Lo dica la casa di Aronne:
Gloria al Padre e al Figlio,
Benedetto colui che viene
al Padre e al Santo Spirito
per essa entrano i giusti.
Benedetto colui che viene
che confidare nell’uomo.
e nell’ombra della morte
Dal tuo fianco squarciato
sei il mio Dio e ti esalto.
ecco l’opera del Signore:
Osanna nell’alto dei cieli!
Osanna nell’alto dei cieli!
Osanna nell’alto dei cieli!
Osanna nell’alto dei cieli!
LETTURA BREVE Zc 9, 9
gridiamo la nostra fede;
gridiamo la nostra fede;
a preparargli le strade,
e dirigere i nostri passi
come aveva promesso
accogli il nostro canto.
mi misero alla prova,
nelle tende dei giusti:
e siedi sui cherubini,
distendi le tue braccia
RESPONSORIO BREVE
sfiderò i miei nemici.
fino ai lati dell’altare.
nel nome del Signore!
nel nome del Signore!
A te sia lode, o Cristo,
della nostra salvezza.
Lo dica chi teme Dio:
nel nome del Signore:
nel nome del Signore:
dia lode al Signore.
sul legno della croce.
sulla via della pace.
Per radunare i popoli
speranza delle genti,
e allo Spirito Santo.
immagine del Padre,
nel patto dell’amore,
luce d’eterna luce,
O Gesù redentore,
effondi sull’altare
i misteri pasquali
tu ci hai redenti.
INVOCAZIONE
Padre Nostro
ogni vivente
nel deserto,
gli abissi
acclamava:
acclamava:
Ant. al Ben.
Ant. al Ben.
ORAZIONE
1 ant.
1 ant.
2 ant.
2 ant.
3 ant.
3 ant.
INNO
Ant.
R.
R.
V.
*
*
Con il tuo sangue, Signore,
Amen.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Una grande folla, venuta per la festa,
Una grande folla, venuta per la festa,
Benedetto colui che viene
Benedetto colui che viene
Con gli angeli e i fanciulli
Con gli angeli e i fanciulli
*
*
.
*
*
*
Con palme splendenti
Con palme splendenti


*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*


*
*
*
*
*
*
tu ci hai redenti.
*
*
*
per noi ha sofferto tentazione e morte.


*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*

*
*
*
*
*
*
Domenica delle Palme della passione del Signore

Lodi

Lodi
O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen.
Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.
INVITATORIO
Signore, apri le mie labbra.
Ant.
per noi ha sofferto tentazione e morte.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.
SALMO 94 Invito a lodare Dio
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)
Lavatevi, purificatevi, togliete dalla mia vista il male delle vostre azioni. Cessate di fare il male, imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova. Su, venite e discutiamo, dice il Signore. Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. Se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana.
Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati;
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,
Signore onnipotente e misericordioso, attira verso di te i nostri cuori, poiché senza di te non possiamo piacere a te, sommo bene. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
– perché siamo tempio vivo dello Spirito Santo.
affermi la tua potenza contro i tuoi avversari,
Abiterete nella terra che io diedi ai vostri padri;
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre
– ma di quello che dura per la vita eterna e che tu ci dai.
Tutto ha sottomesso ai suoi piedi, e lo ha costituito su tutte le cose a capo della Chiesa (Ef 1, 22).
quanto è grande il tuo nome su tutta la terra!
gli hai dato potere sulle opere delle tue mani,
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
– fa’ che tutto il giorno trascorra nell’adesione piena alla tua volontà.
Essi saranno suo popolo ed egli sarà il «Dio-con-loro» (Ap 21, 3).
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
Rendici fin d’ora disponibili all’aiuto fraterno,
la Madre tua, rifugio dei peccatori, interceda per la nostra salvezza,
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge
e ha suscitato per noi una salvezza potente
le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato,
Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)
come a Merìba, come nel giorno di Massa
Rendiamo grazie sempre e in ogni luogo al Cristo salvatore, e rivolgiamo a lui la nostra comune preghiera:
io vi purificherò da tutte le vostre sozzure
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
perché ha visitato e redento il suo popolo,
ma tu sei l’eccelso per sempre, o Signore.
a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)
Custodisci la castità del nostro corpo e del nostro cuore,
Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore,
Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita,
Nella sua mano sono gli abissi della terra,
Rinnovaci nel cuore, e saremo tuo popolo.
Rinnovaci nel cuore, e saremo tuo popolo.
Eppure l’hai fatto poco meno degli angeli,
I miei occhi disprezzeranno i miei nemici,
in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Rendici solleciti non del cibo che perisce,
e si è ricordato della sua santa alleanza,
CANTICO Ez 36, 24-28 Dio rinnoverà il suo popolo
SALMO 8 Grandezza del Signore e dignità dell’uomo
per annunziare quanto è retto il Signore:
Soccorrici con la forza del tuo Spirito, Signore
metterò dentro di voi uno spirito nuovo,
Come sono grandi le tue opere, Signore,
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
e vi farò osservare e mettere in pratica
e vi farò vivere secondo i miei precetti
se i peccatori germogliano come l’erba
Accostiamoci a lui per rendergli grazie,
Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo,
che cosa è l’uomo perché te ne ricordi,
per noi ha sofferto tentazione e morte.
Come era nel principio, e ora e sempre
i miei orecchi udranno cose infauste.
Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione
e il figlio dell’uomo perché te ne curi?
Nella vecchiaia daranno ancora frutti,
per ridurre al silenzio nemici e ribelli.
gli uccelli del cielo e i pesci del mare,
pur avendo visto le mie opere. (Ant.)
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
e contro gli iniqui che mi assalgono
Poiché mi rallegri, Signore, con le tue meraviglie,
Si celebrano le lodi per le meraviglie dell’Unigenito (Sant’Atanasio).
Con la bocca dei bimbi e dei lattanti
mia roccia, in lui non c’è ingiustizia.
la luna e le stelle che tu hai fissate,
di gloria e di onore lo hai coronato:
e cantare al tuo nome, o Altissimo,
– e ci ottenga il perdono dei peccati.
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
annunziare al mattino il tuo amore,
annunziare al mattino il suo amore.
annunziare al mattino il suo amore.
fioriranno negli atri del nostro Dio.
SALMO 91 Lode al Signore creatore
nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.)
saranno dispersi tutti i malfattori.
nella remissione dei suoi peccati,
perciò ho giurato nel mio sdegno:
il gregge che egli conduce. (Ant.)
Benedetto il Signore Dio d’Israele,
crescerà come cedro del Libano;
esulto per l’opera delle tue mani.
tutto hai posto sotto i suoi piedi;
sull’arpa a dieci corde e sulla lira,
perché andrai innanzi al Signore
e dalle mani di quanti ci odiano.
nella casa di Davide, suo servo,
dove mi tentarono i vostri padri:
Tu mi doni la forza di un bufalo,
Venite, applaudiamo al Signore,
Porrò il mio spirito dentro di voi
che percorrono le vie del mare.
tutte le bestie della campagna;
mi cospargi di olio splendente.
quanto profondi i tuoi pensieri!
toglierò da voi il cuore di pietra
e vi condurrò sul vostro suolo.
piantati nella casa del Signore,
Poiché grande Dio è il Signore,
L’uomo insensato non intende
ecco, i tuoi nemici periranno,
abiti in noi il tuo Spirito Santo.
abiti in noi il tuo Spirito Santo.
Ecco, i tuoi nemici, o Signore,
e fioriscono tutti i malfattori,
quanto è grande il tuo nome
s’innalza la tua lode, Signore.
ora e nei secoli eterni. Amen.
s’innalza la tua lode, Signore.
la tua fedeltà lungo la notte,
sono sue le vette dei monti.
grande re sopra tutti gli dèi.
Il giusto fiorirà come palma,
li attende una rovina eterna:
e vi darò un cuore di carne.
saranno vegeti e rigogliosi,
Suo è il mare, egli l’ha fatto,
LETTURA BREVE Is 1, 16-18
non indurite il vostro cuore.
non conoscono le mie vie;
prostriamoci, e imploriamo
Venite, prostràti adoriamo,
siam tua vigna, tuo popolo,
Sia lode al Padre altissimo,
salvezza dai nostri nemici,
È bello dar lode al Signore
tutti i greggi e gli armenti,
vi radunerò da ogni terra
Gloria al Padre e al Figlio,
al Figlio e al Santo Spirito
e nell’ombra della morte
voi sarete il mio popolo
Ricorda che ci plasmasti
come parla quest’uomo.
guidaci con la tua grazia
come parla quest’uomo.
col soffio del tuo Spirito:
e lo stolto non capisce:
o nel segreto dell’anima,
vi darò un cuore nuovo,
il segno della tua gloria.
Vi prenderò dalle genti,
liberaci, o Padre buono;
Nella santa assemblea,
a preparargli le strade,
e dirigere i nostri passi
come aveva promesso
non togliere ai tuoi figli
e io sarò il vostro Dio.
e opera delle tue mani.
e da tutti i vostri idoli;
mi misero alla prova,
O Signore, nostro Dio,
O Signore, nostro Dio,
Perdona i nostri errori,
RESPONSORIO BREVE
con canti sulla cetra.
alla vittoria pasquale.
e saremo tuo popolo.
com’era nel principio,
sulla via della pace.
e allo Spirito Santo.
sana le nostre ferite,
la divina clemenza.
su tutta la terra:
Dall’ira del giudizio
le mie leggi.
INVOCAZIONE
Padre Nostro
nel deserto,
Ant. al Ben.
Ant. al Ben.
ORAZIONE
Oppure:
1 ant.
1 ant.
2 ant.
2 ant.
3 ant.
3 ant.
INNO
Ant.
R.
R.
V.


*

Metti in noi, Signore, uno spirito nuovo,
Rinnovaci nel cuore,
Amen.
sopra i cieli si innalza la tua magnificenza.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Un cuore nuovo donaci, Signore;
Un cuore nuovo donaci, Signore;
È bello dar lode all’Altissimo,
È bello dar lode all’Altissimo,
Dalla bocca dei bambini
Dalla bocca dei bambini
*
*
.
*
*
Nessuno ha mai parlato
Nessuno ha mai parlato
*

*
*

*
*
*
*
*

*
e saremo tuo popolo.
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*

*
*
*
*
*

*
*

*
*
*
*

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*

*
*
*
*
*
*
Quarta settimana di Quaresima – Sabato

Lodi

Lodi
O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen.
Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.
INVITATORIO
Signore, apri le mie labbra.
Ant.
per noi ha sofferto tentazione e morte.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.
SALMO 94 Invito a lodare Dio
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)
Venite, applaudiamo al Signore,
In questo consiste l’amore di Dio, nell’osservare i suoi comandamenti (1 Gv 5, 3).
Non chi dice: Signore, Signore entrerà nel regno dei cieli.
Non chi dice: Signore, Signore entrerà nel regno dei cieli.
Questa è la parola che fu rivolta dal Signore a Geremia: «Fermati alla porta del tempio del Signore e là pronunzia questo discorso dicendo: Ascoltate la parola del Signore, voi tutti di Giuda che attraversate queste porte per prostrarvi al Signore. Così dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Migliorate la vostra condotta e le vostre azioni e io vi farò abitare in questo luogo. Pertanto non confidate nelle parole menzognere di coloro che dicono: Tempio del Signore, tempio del Signore, tempio del Signore è questo!»
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,
– perché vivano con gioia la loro donazione a te nella santa Chiesa.
Nella gioia che già pregustiamo, Signore, in questa celebrazione della Quaresima, fa’ che ci inseriamo sempre più nei misteri della Pasqua, per godere la pienezza dei suoi frutti. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore
T’invoco con tutto il cuore, Signore, rispondimi;
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
Signore, fammi vivere secondo il tuo giudizio.
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
essa conosce che cosa è gradito ai tuoi occhi
Con te è la sapienza che conosce le tue opere,
SALMO 116 Invito a lodare Dio per il suo Amore
Proclamiamo gioiosamente la nostra fede in Cristo, che con il lavacro della rigenerazione e con la mensa della sua parola e del suo corpo ci fa nascere creature nuove e ci ringiovanisce continuamente. Con questa fede preghiamo:
Rinnovaci sempre, Signore, con la forza del tuo Spirito
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre
A tradimento mi assediano i miei persecutori,
Questo io dico: Le nazioni pagane glorificano Dio per la sua misericordia (cfr. Rm 15, 8. 9).
perché domini sulle creature che tu hai fatto,
Io vi darò lingua e sapienza a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere (Lc 21, 15).
Gesù, mite ed umile di cuore, rivestici dei tuoi sentimenti di umiltà e di misericordia,
entrerà nel regno dei cieli.
– perché ci perdoniamo sempre gli uni gli altri come tu hai perdonato a noi.
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
dammi la sapienza, che siede accanto a te in trono
In fondo al tempio, con gli occhi bassi,
In fondo al tempio, con gli occhi bassi,
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
e non mi escludere dal numero dei tuoi figli,
La beata Vergine, tua Madre, interceda per le vergini a te consacrate,
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
e mi guiderà con prudenza nelle mie azioni
Insegnaci ad avvicinare i poveri e i sofferenti che troviamo sulla nostra strada
I miei occhi prevengono le veglie della notte
che con la tua sapienza hai formato l’uomo,
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge
e ha suscitato per noi una salvezza potente
le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato,
Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)
come a Merìba, come nel giorno di Massa
Ascolta la mia voce, secondo la tua grazia;
CANTICO Sap 9, 1-6. 9-11 Signore, dammi la sapienza
perché ha visitato e redento il suo popolo,
SALMO 118, 145-152 XIX (Cof) Promessa di osservare la legge di Dio
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)
Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore,
che era presente quando creavi il mondo;
Nella sua mano sono gli abissi della terra,
incapace di comprendere la giustizia e le leggi.
e governi il mondo con santità e giustizia
perché mi assista e mi affianchi nella mia fatica
in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
e si è ricordato della sua santa alleanza,
perché io sono tuo servo e figlio della tua ancella,
Da tempo conosco le tue testimonianze
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
– rimetti a noi i nostri debiti e allontana i castighi che meritiamo.
Donaci un segno della tua misericordia,
Essa tutto conosce e tutto comprende,
Accostiamoci a lui per rendergli grazie,
La fedeltà del Signore rimane per sempre.
Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo,
La fedeltà del Signore rimane per sempre.
e la fedeltà del Signore dura in eterno.
Dio dei padri e Signore di misericordia,
per noi ha sofferto tentazione e morte.
che tutto hai creato con la tua parola,
Come era nel principio, e ora e sempre
Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
pur avendo visto le mie opere. (Ant.)
e ciò che è conforme ai tuoi decreti.
e pronunzi giudizi con animo retto,
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
perché forte è il suo amore per noi
Anche il più perfetto tra gli uomini,
e mi proteggerà con la sua gloria.
nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.)
nella remissione dei suoi peccati,
perciò ho giurato nel mio sdegno:
il gregge che egli conduce. (Ant.)
per meditare sulle tue promesse.
Benedetto il Signore Dio d’Israele,
– per imitare te, buon Samaritano.
perché andrai innanzi al Signore
e dalle mani di quanti ci odiano.
nella casa di Davide, suo servo,
dove mi tentarono i vostri padri:
e io sappia ciò che ti è gradito.
il pubblicano si batteva il petto:
il pubblicano si batteva il petto:
Poiché grande Dio è il Signore,
e seguirò i tuoi insegnamenti.
Precedo l’aurora e grido aiuto,
Lodate il Signore, popoli tutti,
uomo debole e di vita breve,
che hai stabilite per sempre.
sono lontani dalla tua legge.
tutti i tuoi precetti sono veri.
ora e nei secoli eterni. Amen.
O Dio, pietà di me peccatore!
O Dio, pietà di me peccatore!
*
*
*
*
*
*
*
*
*

*
*
*

*
*
*

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*

.
*
*

*
*
*
*
Vicino sei tu, Signore,
Vicino sei tu, Signore,
sono sue le vette dei monti.
grande re sopra tutti gli dèi.
Suo è il mare, egli l’ha fatto,
sia con me nella mia fatica.
sia con me nella mia fatica.
non indurite il vostro cuore.
non conoscono le mie vie;
prostriamoci, e imploriamo
Venite, prostràti adoriamo,
siam tua vigna, tuo popolo,
Sia lode al Padre altissimo,
salvezza dai nostri nemici,
LETTURA BREVE Ger 7, 1-4
sarebbe stimato un nulla.
Ma tu, Signore, sei vicino,
Gloria al Padre e al Figlio,
privo della tua sapienza,
entrerà nel regno dei cieli.
al Figlio e al Santo Spirito
e nell’ombra della morte
custodirò i tuoi precetti.
Ricorda che ci plasmasti
guidaci con la tua grazia
col soffio del tuo Spirito:
o nel segreto dell’anima,
il segno della tua gloria.
Mandala dai cieli santi,
liberaci, o Padre buono;
Nella santa assemblea,
spero sulla tua parola.
a preparargli le strade,
e dirigere i nostri passi
come aveva promesso
dal tuo trono glorioso,
non togliere ai tuoi figli
e opera delle tue mani.
mi misero alla prova,
Perdona i nostri errori,
RESPONSORIO BREVE
Io ti chiamo, salvami,
alla vittoria pasquale.
e vere tutte le tue vie.
e vere tutte le tue vie.
com’era nel principio,
sulla via della pace.
e allo Spirito Santo.
sana le nostre ferite,
la divina clemenza.
Dall’ira del giudizio
INVOCAZIONE
Padre Nostro
nel deserto,
Ant. al Ben.
Ant. al Ben.
ORAZIONE
Oppure:
1 ant.
1 ant.
2 ant.
2 ant.
3 ant.
3 ant.
INNO
Ant.
R.
R.
V.
*
*
*

Ma chi fa la volontà del Padre mio
Non chi dice: Signore, Signore
Amen.
voi tutte, nazioni, dategli gloria;
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Mi assista, Signore, la tua sapienza:

Lodi

Seconda domenica di Quaresima
Lodi

O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen.
Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.
INVITATORIO
Signore, apri le mie labbra.
Ant.
per noi ha sofferto tentazione e morte.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.
SALMO 94 Invito a lodare Dio
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)
Venite, applaudiamo al Signore,
O Dio, che ci hai detto di ascoltare il tuo amato Figlio, nutri la nostra fede con la tua parola e purifica gli occhi del nostro spirito, perché possiamo godere la visione della tua gloria. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
La speranza dell’empio è come pula portata dal vento, come schiuma leggera sospinta dalla tempesta, come fumo dal vento è dispersa, si dilegua come il ricordo dell’ospite di un sol giorno. I giusti al contrario vivono per sempre, la loro ricompensa è presso il Signore e l’Altissimo ha cura di loro.
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,
– e coloro che incontreremo, ricevano da noi un messaggio del tuo amore.
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore
Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso,
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Mi avevano spinto con forza per farmi cadere,
Aiutaci a ricomporre nella carità i dissensi e le contese,
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre
Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri,
Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è diventata testata d’angolo (At 4, 11).
e avrò la vita.
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
– ma di ogni parola che esce dalla tua bocca.
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
A Dio la gloria, nella Chiesa e in Cristo Gesù (cfr. Ef 3, 21).
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato,
Dio di bontà, fa’ che questo nuovo giorno sia pieno di opere di carità fraterna,
Glorifichiamo Dio, nostro Padre, la cui misericordia è senza limiti, e invochiamo la grazia dello Spirito Santo per mezzo di Gesù Cristo, che è sempre vivo per intercedere a nostro favore:
Venga su di me la tua misericordia, e avrò la vita.
Venga su di me la tua misericordia, e avrò la vita.
lodatelo nel firmamento della sua potenza.
Benedite, opere tutte del Signore, il Signore,
e ha suscitato per noi una salvezza potente
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge
Fa’ che abbiamo fame non solo del cibo che sostenta il nostro corpo,
le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
– per godere il bene prezioso della tua pace.
Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo
e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato,
Il Creatore … è benedetto nei secoli (Rm 1, 25).
Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)
come a Merìba, come nel giorno di Massa
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
perché ha visitato e redento il suo popolo,
– conduci alla salvezza i nostri catecumeni nell’acqua battesimale mediante la Chiesa.

Giovedì dopo le Ceneri Lodi

Giovedì dopo le Ceneri
Lodi

O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen.
Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.
INVITATORIO
Signore, apri le mie labbra.
Ant.
Venite, adoriamo Cristo Signore:
per noi ha sofferto tentazione e morte.
Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.
SALMO 94 Invito a lodare Dio
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)
Venite, applaudiamo al Signore,
*
Uniti nella preghiera di lode, celebriamo l’amore di Dio Padre, che si è rivelato nel Cristo suo Figlio e diciamo con fede:
Ispira le nostre azioni, Signore, e accompagnale con il tuo aiuto, perché ogni nostra attività abbia sempre da te il suo inizio e in te il suo compimento. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
Siamo il tuo popolo e la tua eredità, Signore. Ci hai fatti uscire dall’Egitto, da una fornace per fondere il ferro.
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,
Dio della mia salvezza.
Padre di tutti gli uomini, aiutaci a promuovere il vero progresso della comunità umana,
Siano attenti i tuoi occhi alla preghiera del tuo servo e del tuo popolo Israele e ascoltali in quanto ti chiedono, perché tu li hai separati da tutti i popoli del paese come tua proprietà.
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
– che si è offerto a noi come sorgente di acqua viva.
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre
perché non sia come chi scende nella fossa.
– perché diventi per noi e per tutti sacramento universale di salvezza.
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
– e a cercare in ogni cosa il tuo regno e la tua giustizia.
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
SALMO 142, 1-11 Preghiera nella tribolazione
e ha suscitato per noi una salvezza potente
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge
le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)
Siamo giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge (Gal 2, 16).
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato,
L’anima magnifica il Signore, perché grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente (Lc 1, 46. 49).
voi tutti che avete partecipato al suo lutto.
come a Merìba, come nel giorno di Massa
Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)
Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.
Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.
Il tuo spirito buono mi guidi in terra piana.
liberami dall’angoscia, per la tua giustizia.
come un torrente in piena la ricchezza dei popoli;
perché ha visitato e redento il suo popolo,
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)
Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore,
Nella sua mano sono gli abissi della terra,
Fammi conoscere la strada da percorrere,
– guida i nostri passi nella giustizia e nella sincerità.
in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
e si è ricordato della sua santa alleanza,
La Gerusalemme di lassù è libera ed è la nostra madre (Gal 4, 26).
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
SALMO 146 Potenza e bontà del Signore
Accostiamoci a lui per rendergli grazie,
Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo,
Al mattino fammi sentire la tua grazia,
Per il tuo nome, Signore, fammi vivere,
CANTICO Is 66, 10-14a Nella città di Dio consolazione e gioia
i suoi bimbi saranno portati in braccio,
per noi ha sofferto tentazione e morte.
Come era nel principio, e ora e sempre
Donaci di comprendere in modo vivo e profondo il mistero della tua Chiesa,
Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione
e vi sazierete delle sue consolazioni;
non apprezza l’agile corsa dell’uomo.
Cantate al Signore un canto di grazie,
Non chiamare in giudizio il tuo servo:
sulle ginocchia saranno accarezzati.
ai piccoli del corvo che gridano a lui.
pur avendo visto le mie opere. (Ant.)
nessun vivente davanti a te è giusto.
Voi lo vedrete e gioirà il vostro cuore,
Il Signore ricostruisce Gerusalemme,
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
«Ecco io farò scorrere verso di essa,
Il Signore si compiace di chi lo teme,
dolce è lodarlo come a lui conviene.
sono davanti a te come terra riarsa.
Non fa conto del vigore del cavallo,
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
Insegnami a compiere il tuo volere,
esultate per essa quanti la amate.
perché a te si innalza l’anima mia.
Come una madre consola un figlio
LETTURA BREVE Cfr 1 Re 8, 51-53a
in Gerusalemme sarete consolati.
nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.)
porgi l’orecchio alla mia supplica,
nella remissione dei suoi peccati,
le vostre ossa saranno rigogliose
il gregge che egli conduce. (Ant.)
perciò ho giurato nel mio sdegno:
ma abbassa fino a terra gli empi.
Benedetto il Signore Dio d’Israele,
Signore, ascolta la mia preghiera,
Salvami dai miei nemici, Signore,
e per la tua giustizia rispondimi.
perché andrai innanzi al Signore
Grande è il Signore, onnipotente,
e dalle mani di quanti ci odiano.
dove mi tentarono i vostri padri:
nella casa di Davide, suo servo,
fa germogliare l’erba sui monti.
la sua sapienza non ha confini.
prenda la sua croce e mi segua.
prenda la sua croce e mi segua.
Rallegratevi con Gerusalemme,
egli conta il numero delle stelle
prepara la pioggia per la terra,
la prosperità come un fiume;
all’abbondanza del suo seno.
Suscita in noi la sete del Cristo,
Poiché grande Dio è il Signore,
un fiume di pace e di salvezza.
un fiume di pace e di salvezza.
e chiama ciascuna per nome.
fa’ sentire il tuo amore per noi.
fa’ sentire il tuo amore per noi.
è bello cantare al nostro Dio,
così io vi darò consolazione;
Non nascondermi il tuo volto,
In me languisce il mio spirito,
come i morti da gran tempo.
Così succhierete al suo petto
di chi spera nella sua grazia.
ora e nei secoli eterni. Amen.
Provvede il cibo al bestiame,
ripenso a tutte le tue opere,
sono sue le vette dei monti.
grande re sopra tutti gli dèi.
mi ha relegato nelle tenebre
Suo è il mare, egli l’ha fatto,
calpesta a terra la mia vita,
Rispondimi presto, Signore,
Poiché così dice il Signore:
Il Signore sostiene gli umili
non indurite il vostro cuore.
si agghiaccia il mio cuore.
Sfavillate di gioia con essa
raduna i dispersi d’Israele.
non conoscono le mie vie;
Venite, prostràti adoriamo,
prostriamoci, e imploriamo
siam tua vigna, tuo popolo,
Sia lode al Padre altissimo,
salvezza dai nostri nemici,
A te protendo le mie mani,
Rimetti a noi i nostri debiti,
viene meno il mio spirito.
Gloria al Padre e al Figlio,
al Figlio e al Santo Spirito
Egli copre il cielo di nubi,
e nell’ombra della morte
perché sei tu il mio Dio.
succhierete, con delizia,
Ricorda che ci plasmasti
Il nemico mi perseguita,
col soffio del tuo Spirito:
guidaci con la tua grazia
o nel segreto dell’anima,
medito sui tuoi prodigi.
il segno della tua gloria.
Nella santa assemblea,
liberaci, o Padre buono;
Ricordo i giorni antichi,
a preparargli le strade,
come aveva promesso
e dirigere i nostri passi
non togliere ai tuoi figli
Dio della mia salvezza.
e opera delle tue mani.
mi misero alla prova,
Perdona i nostri errori,
Risana i cuori affranti
e fascia le loro ferite;
RESPONSORIO BREVE
alla vittoria pasquale.
poiché in te confido.
com’era nel principio,
sulla via della pace.
e allo Spirito Santo.
come erba fresca.
sana le nostre ferite,
intonate sulla cetra
inni al nostro Dio.
tu che sei fedele,
la divina clemenza.
rinunci a se stesso,
rinunci a se stesso,
Dall’ira del giudizio
Lodate il Signore:
dolce è lodarlo.
dolce è lodarlo.
a te mi affido.
INVOCAZIONE
Padre Nostro
nel deserto,
Ant. al Ben.
Ant. al Ben.
ORAZIONE
Oppure:
1 ant.
1 ant.
2 ant.
2 ant.
3 ant.
3 ant.
INNO
Ant.

R.
R.
V.
*
Davanti a te i pensieri del mio cuore,
Ti siano gradite le mie parole,
Amen.
Ricordati, Signore, di questa tua famiglia
Venite, adoriamo Cristo Signore:
Il Signore farà scorrere su Gerusalemme
Il Signore farà scorrere su Gerusalemme
È bello cantare al nostro Dio,
È bello cantare al nostro Dio,
Fin dal mattino, o Dio,
Fin dal mattino, o Dio,
*
*
*
*
Chi vuole essere mio discepolo,
Chi vuole essere mio discepolo,

*

*
*
*
*
*

*
*

*
*
*
*
*

*
*
*
*
*
*

*
*
*
*
*
*
*
*
*

*
*
*

*
*


*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
.
*
*
*
*

Lodi dell’8 febbraio 2019

Venerdì della quarta settimana

Lodi

O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen. Alleluia.

Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.

INVITATORIO

Signore, apri le mie labbra.

Ant. Buono è il Signore con noi:
benedite il suo nome!

SALMO 94 Invito a lodare Dio
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)

Venite, applaudiamo al Signore, *
  acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
  a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)

Poiché grande Dio è il Signore, *
  grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
  sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l’ha fatto, *
  le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)

Venite, prostràti adoriamo, *
  in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
  il gregge che egli conduce. (Ant.)

Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore, *
  come a Merìba, come nel giorno di Massa
  nel deserto,
dove mi tentarono i vostri padri: 
  mi misero alla prova, *
  pur avendo visto le mie opere. (Ant.)

Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione 
  e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
  non conoscono le mie vie;
perciò ho giurato nel mio sdegno: *
  Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)

Gloria al Padre e al Figlio, *
  e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre*
  nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.)

Ant. Buono è il Signore con noi:
benedite il suo nome!

INNO

O Gesù salvatore,
luce vera del mondo,
accogli le primizie
della nostra preghiera.

Risveglia in noi la fede,
la speranza, l’amore;
dona pace e concordia
e letizia perfetta.

Lenisci con le lacrime
la durezza dei cuori,
accendi il desiderio
della patria beata.

A te sia gloria, o Cristo,
speranza delle genti,
al Padre e al Santo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

1 ant. Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.

SALMO 50 Pietà di me, o Signore
Rinnovatevi nello spirito della vostra mente e rivestite l’uomo nuovo (cfr. Ef 4, 23-24).

Pietà di me, o Dio,
    secondo la tua misericordia; *
  nel tuo grande amore
    cancella il mio peccato.

Lavami da tutte le mie colpe, *
  mondami dal mio peccato.
Riconosco la mia colpa, *
  il mio peccato mi sta sempre dinanzi.

Contro di te, contro te solo ho peccato, *
  quello che è male ai tuoi occhi, io l’ho fatto;
perciò sei giusto quando parli, *
  retto nel tuo giudizio.

Ecco, nella colpa sono stato generato, *
  nel peccato mi ha concepito mia madre.
Ma tu vuoi la sincerità del cuore *
  e nell’intimo m’insegni la sapienza.

Purificami con issopo e sarò mondato; *
  lavami e sarò più bianco della neve.
Fammi sentire gioia e letizia, *
  esulteranno le ossa che hai spezzato.

Distogli lo sguardo dai miei peccati, *
  cancella tutte le mie colpe.
Crea in me, o Dio, un cuore puro, *
  rinnova in me uno spirito saldo.

Non respingermi dalla tua presenza *
  e non privarmi del tuo santo spirito.
Rendimi la gioia di essere salvato, *
  sostieni in me un animo generoso.

Insegnerò agli erranti le tue vie *
  e i peccatori a te ritorneranno.
Liberami dal sangue, Dio, Dio mia salvezza, *
  la mia lingua esalterà la tua giustizia.

Signore, apri le mie labbra *
  e la mia bocca proclami la tua lode;
poiché non gradisci il sacrificio *
  e, se offro olocausti, non li accetti.

Uno spirito contrito *
  è sacrificio a Dio,
un cuore affranto e umiliato, *
  tu, o Dio, non disprezzi.

Nel tuo amore
    fa’ grazia a Sion, *
  rialza le mura
    di Gerusalemme.

Allora gradirai i sacrifici prescritti, *
  l’olocausto e l’intera oblazione,
allora immoleranno vittime *
  sopra il tuo altare.

1 ant. Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.

2 ant. Rallegrati, Gerusalemme:
in te si raduneranno i popoli
e benediranno il Signore.

CANTICO Tb 13, 10-13. 15. 16c-17a Ringraziamento per la liberazione del popolo
Mi mostrò la città santa, Gerusalemme … risplendente della gloria di Dio (Ap 21, 10-11).

Tutti parlino del Signore
  e diano lode a lui in Gerusalemme.

Gerusalemme, città santa, 
  ti ha castigata per le opere dei tuoi figli, *
  e avrà ancora pietà per i figli dei giusti.

Da’ lode degnamente al Signore *
  e benedici il re dei secoli;

egli ricostruirà in te il suo tempio con gioia, *
  per allietare in te tutti i deportati,
per far contenti in te tutti gli sventurati, *
  per tutte le generazioni dei secoli.

Come luce splendida brillerai
    sino ai confini della terra; *
  nazioni numerose verranno a te da lontano;

gli abitanti di tutti i confini della terra 
  verranno verso la dimora del tuo santo nome, *
  portando in mano i doni per il re del cielo.

Generazioni e generazioni
    esprimeranno in te l’esultanza *
  e il nome della città eletta
    durerà nei secoli.

Sorgi ed esulta per i figli dei giusti, 
  tutti presso di te si raduneranno *
  e benediranno il Signore dei secoli.

Beati coloro che ti amano *
  beati coloro che gioiscono per la tua pace.

Anima mia,
    benedici il Signore, il gran sovrano: 
  Gerusalemme sarà ricostruita *
  come città della sua residenza per sempre.

2 ant. Rallegrati, Gerusalemme:
in te si raduneranno i popoli
e benediranno il Signore.

3 ant. Città di Dio, loda il tuo Signore:
egli manda a te la sua parola.

SALMO 147 La Gerusalemme riedificata
Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell’Agnello (Ap 21, 9).

Glorifica il Signore, Gerusalemme, *
  loda, Sion, il tuo Dio.
   Perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte, *
  in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli.

Egli ha messo pace nei tuoi confini *
  e ti sazia con fior di frumento.
Manda sulla terra la sua parola, *
  il suo messaggio corre veloce.

Fa scendere la neve come lana, *
  come polvere sparge la brina.
Getta come briciole la grandine, *
  di fronte al suo gelo chi resiste?

Manda una sua parola ed ecco si scioglie, *
  fa soffiare il vento e scorrono le acque.
Annunzia a Giacobbe la sua parola, *
  le sue leggi e i suoi decreti a Israele.

Così non ha fatto
    con nessun altro popolo, *
  non ha manifestato ad altri
    i suoi precetti.

3 ant. Città di Dio, loda il tuo Signore:
egli manda a te la sua parola.

LETTURA BREVE  Gal 2, 20
  Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita che vivo nella carne, io la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me.

RESPONSORIO BREVE
R. Invocherò l’Altissimo: * da lui ogni mio bene.
Invocherò l’Altissimo: da lui ogni mio bene.
V. Dal cielo manderà la sua salvezza:
da lui ogni mio bene.
  Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Invocherò l’Altissimo: da lui ogni mio bene.

Ant. al Ben.   Nella sua misericordia
il nostro Dio ci ha visitati dall’alto
come sole che sorge.

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d’Israele, *
  perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *
  nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *
  per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *
  e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
  e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *
  di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
  al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo *
  perché andrai innanzi al Signore
  a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
  nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
  per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
  e nell’ombra della morte

e dirigere i nostri passi *
  sulla via della pace.

Ant. al Ben.   Nella sua misericordia
il nostro Dio ci ha visitati dall’alto
come sole che sorge.

INVOCAZIONE

Invochiamo la provvidenza del Padre, che veglia su coloro che ha creati e redenti per mezzo del suo Figlio e diciamo:
    Conferma ciò che hai operato in noi, Signore.

Dio di misericordia, guidaci sulla via della santità,
– perché cerchiamo sempre ciò che è vero, buono e giusto.

Non abbandonarci, o Dio, per il tuo grande amore,
– non dimenticare la tua alleanza.

Accogli l’offerta del nostro cuore contrito e umiliato,
– fa’ che non siano confusi quelli che si affidano a te.

Tu che ci hai resi partecipi della missione profetica del Cristo,
– fa’ che annunziamo con le parole e le opere le meraviglie del tuo amore.

Padre Nostro

ORAZIONE

  Concedi al tuo popolo, o Dio, l’abbondanza dei tuoi doni, perché sia sempre fedele agli impegni del suo battesimo, e viva nella prosperità e nella pace in attesa della gioia eterna. Per il nostro Signore Gesù Cristo.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
R. Amen.

Lodi del 4 febbraio 2019

Lunedì della quarta settimana

Lodi

O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen. Alleluia.

Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio.

INVITATORIO

Signore, apri le mie labbra.

Ant. Acclamiamo il Signore con canti di gioia!

SALMO 94 Invito a lodare Dio
Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13)

Venite, applaudiamo al Signore, *
  acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
  a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)

Poiché grande Dio è il Signore, *
  grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
  sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l’ha fatto, *
  le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)

Venite, prostràti adoriamo, *
  in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
  il gregge che egli conduce. (Ant.)

Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore, *
  come a Merìba, come nel giorno di Massa
  nel deserto,
dove mi tentarono i vostri padri: 
  mi misero alla prova, *
  pur avendo visto le mie opere. (Ant.)

Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione 
  e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
  non conoscono le mie vie;
perciò ho giurato nel mio sdegno: *
  Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.)

Gloria al Padre e al Figlio, *
  e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre*
  nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.)

Ant. Acclamiamo il Signore con canti di gioia!

INNO

O sole di giustizia,
Verbo del Dio vivente,
irradia sulla Chiesa
la tua luce immortale.

Per te veniamo al Padre,
fonte del primo amore,
Padre d’immensa grazia
e di perenne gloria.

Lieto trascorra il giorno
in umiltà e fervore;
la luce della fede
non conosca tramonto.

Sia Cristo il nostro cibo,
sia Cristo l’acqua viva:
in lui gustiamo sobrii
l’ebbrezza dello Spirito. Amen.

1 ant. Al mattino ci sazia il tuo amore,
Signore nostro Dio.

SALMO 89 Su di noi sia la bontà del Signore
Davanti al Signore un giorno è come mille anni e mille anni come un giorno solo (2 Pt 3, 8).

Signore, tu sei stato per noi un rifugio *
  di generazione in generazione.

Prima che nascessero i monti 
  e la terra e il mondo fossero generati, *
  da sempre e per sempre tu sei, Dio.

Tu fai ritornare l’uomo in polvere *
  e dici: «Ritornate, figli dell’uomo».

Ai tuoi occhi, mille anni
    sono come il giorno di ieri che è passato, *
  come un turno di veglia nella notte.

Li annienti: li sommergi nel sonno; *
  sono come l’erba che germoglia al mattino:
al mattino fiorisce, germoglia, *
  alla sera è falciata e dissecca.

Perché siamo distrutti dalla tua ira, *
  siamo atterriti dal tuo furore.
Davanti a te poni le nostre colpe, *
  i nostri peccati occulti alla luce del tuo volto.

Tutti i nostri giorni svaniscono per la tua ira, *
  finiamo i nostri anni come un soffio.

Gli anni della nostra vita sono settanta, *
  ottanta per i più robusti,
ma quasi tutti sono fatica, dolore; *
  passano presto e noi ci dileguiamo.

Chi conosce l’impeto della tua ira, *
  il tuo sdegno, con il timore a te dovuto?

Insegnaci a contare i nostri giorni *
  e giungeremo alla sapienza del cuore.

Volgiti, Signore; fino a quando? *
  Muoviti a pietà dei tuoi servi.
Saziaci al mattino con la tua grazia: *
  esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni.

Rendici la gioia per i giorni di afflizione,*
  per gli anni in cui abbiamo visto la sventura.
Si manifesti ai tuoi servi la tua opera *
  e la tua gloria ai loro figli.

Sia su di noi la bontà del Signore, nostro Dio: 
  rafforza per noi l’opera delle nostre mani, *
  l’opera delle nostre mani rafforza.

1 ant. Al mattino ci sazia il tuo amore,
Signore nostro Dio.

2 ant. Da ogni terra, lode al Signore.

CANTICO Is 42, 10-16 Inno al Signore vittorioso e salvatore
Essi cantavano un cantico nuovo davanti al trono di Dio (Ap 14, 3).

Cantate al Signore un canto nuovo, *
  lode a lui fino all’estremità della terra;
 lo celebri il mare con quanto esso contiene, *
  le isole con i loro abitanti.

Esulti con le sue città il deserto, *
  esultino i villaggi dove abitano quelli di Kedàr;

acclamino gli abitanti di Sela, *
  dalla cima dei monti alzino grida.
Diano gloria al Signore *
  e il suo onore divulghino nelle isole.

Il Signore avanza come un prode, *
  come un guerriero eccita il suo ardore;
grida, lancia urla di guerra, *
  si mostra forte contro i suoi nemici.

Per molto tempo, ho taciuto, *
  ho fatto silenzio, mi sono contenuto;
ora griderò come una partoriente, *
  mi affannerò e sbufferò insieme.

Renderò aridi monti e colli, *
  farò seccare tutta la loro erba;
trasformerò i fiumi in stagni *
  e gli stagni farò inaridire.

Farò camminare i ciechi per vie che non conoscono, *
  li guiderò per sentieri sconosciuti;
trasformerò davanti a loro le tenebre in luce, *
  i luoghi aspri in pianura.

2 ant. Da ogni terra, lode al Signore.

3 ant. Lodate il nome del Signore,
voi che state nella casa di Dio.

SALMO 134, 1-12 Lodate il Signore che opera meraviglie
Popolo che Dio si è acquistato, proclama le opere meravigliose di lui che ti ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce (cfr. 1 Pt 2, 9).

Lodate il nome del Signore, *
  lodatelo, servi del Signore,
voi che state nella casa del Signore, *
  negli atri della casa del nostro Dio.

Lodate il Signore: il Signore è buono; *
  cantate inni al suo nome, perché è amabile.
Il Signore si è scelto Giacobbe, *
  Israele come suo possesso.

Io so che grande è il Signore, *
  il nostro Dio sopra tutti gli dèi.

Tutto ciò che vuole il Signore, egli lo compie 
  in cielo e sulla terra, *
  nei mari e in tutti gli abissi.

Fa salire le nubi dall’estremità della terra, 
  produce le folgori per la pioggia,
  dalle sue riserve libera i venti.

Egli percosse i primogeniti d’Egitto, *
  dagli uomini fino al bestiame.
Mandò segni e prodigi in mezzo a te, Egitto, *
  contro il faraone e tutti i suoi ministri.

Colpì numerose nazioni *
  e uccise re potenti:
Seon, re degli Amorrèi, Og, re di Basan, *
  e tutti i regni di Cànaan.

Diede la loro terra in eredità a Israele, *
  in eredità a Israele suo popolo.

3 ant. Lodate il nome del Signore,
voi che state nella casa di Dio.

LETTURA BREVE  Cfr Gdt 8, 26; volg. 21b-23
  Ricordatevi che i vostri padri furono messi alla prova per vedere se davvero temevano il loro Dio. Ricordate come fu tentato il nostro padre Abramo e come proprio attraverso la prova di molte tribolazioni egli divenne l’amico di Dio. Così pure Isacco, così Giacobbe, così Mosè e tutti quelli che piacquero a Dio furono provati con molte tribolazioni e si mantennero fedeli.

RESPONSORIO BREVE
R. Esultate, giusti, nel Signore * ai santi si addice la lode.
Esultate, giusti, nel Signore ai santi si addice la lode.
V. Cantate al Signore un canto nuovo,
ai santi si addice la lode.
   Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Esultate, giusti, nel Signore ai santi si addice la lode.

Ant. al Ben.   Benedetto il Signore!
Ha visitato e redento il suo popolo.

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d’Israele, *
  perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *
  nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *
  per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *
  e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
  e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *
  di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
  al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo *
  perché andrai innanzi al Signore
  a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
  nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
  per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
  e nell’ombra della morte

e dirigere i nostri passi *
  sulla via della pace.

Ant. al Ben.   Benedetto il Signore!
Ha visitato e redento il suo popolo.

INVOCAZIONE

Il Cristo ascolta la voce degli umili che confidano in lui e li salva. Confortati da questa certezza invochiamo il suo nome;
    Tu sei la nostra speranza, Signore.

O Dio, ricco di misericordia,
– noi ti ringraziamo per il tuo immenso amore.

Tu che agisci sempre nella storia dell’umanità insieme al Padre,
– rinnova gli uomini e le cose con la forza del tuo Spirito.

Dona a noi e ai nostri fratelli uno sguardo di fede,
– perché possiamo contemplare sempre le tue meraviglie.

Redentore di tutti, che in questo giorno ci chiami a cooperare alla tua opera di salvezza,
– rendici segno della tua grazia verso il nostro prossimo.

Padre Nostro

ORAZIONE

  O Dio, che hai affidato all’uomo l’opera della creazione e hai posto al suo servizio le immense energie del cosmo, fa’ che oggi collaboriamo a un mondo più giusto e fraterno a lode della tua gloria. Per il nostro Signore Gesù Cristo.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna.
R. Amen.

Lodi

Martedì della terza settimana intestazione 1, Lodi intestazione 1, O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre. Come era nel principio. Amen. Alleluia. Questa introduzione si omette quando si comincia l’Ufficio con l’Invitatorio. INVITATORIO, Signore, apri le mie labbra. Ant. Grande è il Signore nostro re: venite, adoriamo. SALMO 94 Invito a lodare Dio, Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest’oggi» (Eb 3, 13) Venite, applaudiamo al Signore, * acclamiamo alla roccia della nostra salvezza. Accostiamoci a lui per rendergli grazie, * a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.) Poiché grande Dio è il Signore, * grande re sopra tutti gli dèi. Nella sua mano sono gli abissi della terra, * sono sue le vette dei monti. Suo è il mare, egli l’ha fatto, * le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.) Venite, prostràti adoriamo, * in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati. Egli è nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, * il gregge che egli conduce. (Ant.) Ascoltate oggi la sua voce: «Non indurite il cuore, * come a Merìba, come nel giorno di Massa, nel deserto, dove mi tentarono i vostri padri: † mi misero alla prova, * pur avendo visto le mie opere. (Ant.) Per quarant’anni mi disgustai di quella generazione † e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, * non conoscono le mie vie; perciò ho giurato nel mio sdegno: * Non entreranno nel luogo del mio riposo». (Ant.) Gloria al Padre e al Figlio, * e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre, * nei secoli dei secoli. Amen. (Ant.) Ant. Grande è il Signore nostro re: venite, adoriamo. INNO, Già l’ombra della notte si dilegua, un’alba nuova sorge all’orizzonte: con il cuore e la mente salutiamo, il Dio di gloria. O Padre santo, fonte d’ogni bene, effondi la rugiada del tuo amore, sulla Chiesa raccolta dal tuo Figlio, nel Santo Spirito. Amen. 1 ant. Sei stato buono con noi, Signore: hai perdonato l’iniquità del tuo popolo. SALMO 84 La nostra salvezza è vicina, Cristo Gesù è diventato per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione (1 Cor 1, 3). Signore, sei stato buono con la tua terra, * hai ricondotto i deportati di Giacobbe. Hai perdonato l’iniquità del tuo popolo, * hai cancellato tutti i suoi peccati. Hai deposto tutto il tuo sdegno * e messo fine alla tua grande ira. Rialzaci, Dio nostra salvezza, * e placa il tuo sdegno verso di noi. Forse per sempre sarai adirato con noi, * di età in età estenderai il tuo sdegno? Non tornerai tu forse a darci vita, * perché in te gioisca il tuo popolo? Mostraci, Signore, la tua misericordia * e donaci la tua salvezza. Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore: † egli annunzia la pace, per il suo popolo, per i suoi fedeli, * per chi ritorna a lui con tutto il cuore. La sua salvezza è vicina a chi lo teme * e la sua gloria abiterà la nostra terra. Misericordia e verità s’incontreranno, * giustizia e pace si baceranno. La verità germoglierà dalla terra * e la giustizia si affaccerà dal cielo. Quando il Signore elargirà il suo bene, * la nostra terra darà il suo frutto. Davanti a lui camminerà la giustizia * e sulla via dei suoi passi la salvezza. 1 ant. Sei stato buono con noi, Signore: hai perdonato l’iniquità del tuo popolo. 2 ant. L’anima mia anela a te di notte, al mattino il mio spirito ti cerca. CANTICO Is 26, 1-4. 7-9. 12 Inno dopo la vittoria, Le mura della città poggiano su dodici fondamenti (cfr. Ap 21, 14). Abbiamo una città forte; * egli ha eretto a nostra salvezza mura e baluardo. Aprite le porte: * entri il popolo giusto che mantiene la fedeltà. Il suo animo è saldo; † tu gli assicurerai la pace, * pace perché in te ha fiducia. Confidate nel Signore sempre, * perché il Signore è una roccia eterna; il sentiero del giusto è diritto, * il cammino del giusto tu rendi piano. Sì, nella via dei tuoi giudizi, Signore, in te noi speriamo; * al tuo nome e al tuo ricordo, si volge tutto, il nostro desiderio. Di notte anela a te l’anima mia, * al mattino ti cerca il mio spirito, perché quando pronunzi i tuoi giudizi sulla terra, * giustizia imparano gli abitanti del mondo. Signore, ci concederai la pace, * poiché tu dai successo a tutte le nostre imprese. 2 ant. L’anima mia anela a te di notte, al mattino il mio spirito ti cerca. 3 ant. Fa’ splendere su di noi il tuo volto, Signore. SALMO 66 Tutti i popoli glorifichino il Signore, Sia noto a voi che questa salvezza di Dio viene ora rivolta ai pagani (At 28, 28). Dio abbia pietà di noi e ci benedica, * su di noi faccia splendere il suo volto; perché si conosca sulla terra la tua via, * fra tutte le genti la tua salvezza. Ti lodino i popoli, Dio, * ti lodino i popoli tutti. Esultino le genti e si rallegrino, † perché giudichi i popoli con giustizia, * governi le nazioni sulla terra. Ti lodino i popoli, Dio, * ti lodino i popoli tutti. La terra ha dato il suo frutto. * Ci benedica Dio, il nostro Dio, ci benedica Dio * e lo temano tutti i confini della terra. 3 ant. Fa’ splendere su di noi il tuo volto, Signore. LETTURA BREVE 1 Gv 4, 14-15, Noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo. Chiunque riconosce che Gesù è il Figlio di Dio, Dio dimora in lui ed egli in Dio. RESPONSORIO BREVE, R. Dio, mia roccia di salvezza, * in te la mia speranza. Dio, mia roccia di salvezza, in te la mia speranza. V. Mio scudo, mia difesa, in te la mia speranza. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Dio, mia roccia di salvezza, in te la mia speranza. Ant. al Ben. Ha suscitato per noi, una salvezza potente, come aveva promesso per bocca dei profeti. CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79 Il Messia e il suo Precursore, Benedetto il Signore Dio d’Israele, * perché ha visitato e redento il suo popolo, e ha suscitato per noi una salvezza potente * nella casa di Davide, suo servo, come aveva promesso * per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo: salvezza dai nostri nemici, * e dalle mani di quanti ci odiano. Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri * e si è ricordato della sua santa alleanza, del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, * di concederci, liberati dalle mani dei nemici, di servirlo senza timore, in santità e giustizia * al suo cospetto, per tutti i nostri giorni. E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo * perché andrai innanzi al Signore, a preparargli le strade, per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza * nella remissione dei suoi peccati, grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, * per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge, per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre * e nell’ombra della morte, e dirigere i nostri passi * sulla via della pace. Ant. al Ben. Ha suscitato per noi, una salvezza potente, come aveva promesso per bocca dei profeti. INVOCAZIONE, Adoriamo il Cristo che con il suo sangue, versato sulla croce, ha fatto di noi un popolo nuovo e supplichiamo: Ricordati del tuo popolo, o Signore, . Cristo, re e salvatore, accogli la lode della tua Chiesa all’alba del nuovo giorno, – insegnale ad unirsi a te in perenne rendimento di grazie. In te poniamo ogni speranza, – il tuo amore non lasci deluse le nostre attese. Guarda la nostra debolezza e vieni in nostro aiuto, – perché nulla possiamo senza di te. Non dimenticare i poveri e coloro che vivono nella solitudine e nell’abbandono, – il nuovo giorno non li opprima sotto il peso della tristezza, ma rechi loro gioia e consolazione. Padre Nostro, ORAZIONE, O Dio, creatore e Signore di tutte le cose, donaci di iniziare lietamente questo giorno e di concluderlo nel generoso servizio tuo e dei nostri fratelli. Per il nostro Signore Gesù Cristo. Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male, e ci conduca alla vita eterna. R. Amen.